Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Buon compleanno Tommaso

Buon compleanno Tommaso

Tommaso ama ogni angolo d...

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico…

La politica globale sta c...

Iatrocrazia - La dittatura del Corona Virus

Iatrocrazia - La dittatura del Coro…

Il termine, in realtà, no...

Perché Chiara Ferragni è (sempre) una buona idea

Perché Chiara Ferragni è (sempre) u…

Quando ci sono di mezzo g...

Tenendo d'occhio la Siria meridionale

Tenendo d'occhio la Siria meridiona…

I recenti sviluppi nel su...

Ciao Claudio e’ difficile resistere alla tua assenza

Ciao Claudio e’ difficile resistere…

Se avessi il potere di fe...

TACCUINI D’ARTISTA: IL CASO DELLA GALLERIA NAZIONALE DELL’UMBRIA

TACCUINI D’ARTISTA: IL CASO DELLA G…

I taccuini d’artista sono...

L'alleanza transfrontaliera Giordania-Iraq è una priorità strategica

L'alleanza transfrontaliera Giordan…

La potenziale instabilità...

L'inevitabilità storica ha bisogno di nuove prospettive

L'inevitabilità storica ha bisogno …

Negli ultimi anni, si è v...

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le implicazioni giordane delle sfid…

Le sfide in Medio Oriente...

Prev Next
A+ A A-

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

L'Europa sta affrontando il suo primo grande test dopo la Brexit.

La pandemia di COVID-19 sta scuotendo la struttura dell'UE e sta mettendo a dura prova la capacità di ripresa dell'idea stessa di un'Europa unita. La pandemia ha messo in evidenza i problemi di fondo che sono emersi durante la Brexit; le crisi regionali che hanno colpito i paesi del Mediterraneo. Ora, poiché l'Italia deve affrontare una sfida enorme, non ha trovato il sostegno che ci si aspettava dall'Unione europea, ma piuttosto un muro di sfiducia e scarsa collaborazione.

Di conseguenza, è inevitabile che vengano poste domande sul fatto che l'Italia debba continuare a far parte del progetto europeo che ora appare sempre più obsoleto. Il sentimento popolare sta crescendo in Italia, il che dovrebbe far riflettere il governo, in merito al distacco da un'entità politica in cui non si riconoscono e che, in effetti, si sente ostile in questo momento di crisi.

Questi sentimenti non sono esclusivi dell'Italia ma sono condivisi con paesi come la Spagna, che in passato sono stati i protagonisti indiscussi dell'intero progetto europeo e ora si sentono quasi alieni. Il mondo è cambiato da quando l'Unione europea è stata concepita e creata. Siamo in un'era sempre più post-ideologica caratterizzata dall'assenza di ideologie dominanti e opposte. Molti dogmi politici che sono nati e poi sviluppati durante il dopoguerra sono vittime di una crisi di identità senza precedenti che evidenzia la disconnessione tra l'ideologia iniziale e l'incapacità di aggiornare e produrre condizioni socio-economiche al passo con i tempi.Tuttavia, la disconnessione tra aspirazioni e realtà è un fenomeno generalizzato che colpisce non solo le istituzioni, ma anche gli individui. In particolare, le nuove generazioni si trovano ad affrontare uno scontro senza precedenti con la realtà, in cui interpreta il ruolo della vittima dei carnefici, incapace di affrontare i sacrifici e le sfide che un domani incerto potrebbe affrontare. Un esempio lampante di ciò è la mancanza di adesione iniziale alle misure di restrizione imposte in Italia nella battaglia contro la diffusione dell'infezione da coronavirus, in cui molti giovani non hanno accettato le restrizioni alla loro libertà di movimento. Molti si sentono come vittime del sistema da un lato e come strumento di contagio indiscriminato dall'altro. Possiamo solo immaginare l'impatto che questo divario può avere da una prospettiva politica e sociale. Un disastro sociale.

L'Italia è un paese perduto. Negli ultimi anni ha perso gran parte della sua immagine come spina dorsale della creatività e oggi dimostra tutte le sue intrinseche debolezze. È una nazione che è riuscita a superare le sfide strutturali imposte dalla fine della seconda guerra mondiale, mantenendo la sua politica di apertura verso tutti i paesi senza alcuna chiusura. Tuttavia, fu un'utopia che si frantumò contro i cambiamenti nei sistemi e nelle linee politiche. Una sequenza di governi frivoli, populisti e inadeguati, guidati da personalità di basso livello, hanno relegato l'Italia a un ruolo subordinato con marginale rilevanza internazionale.Insieme alla mancanza di personalità, un altro fattore di base è mancato: il dogmatismo politico. Una mancanza di regole di condotta che si è intensificata fisicamente con l'ultimo esecutivo nazionale, che soprattutto nei suoi organi di rappresentanza politica internazionale ha mostrato tutti i suoi limiti. Possiamo citare alcuni esempi: sul tema della Libia, in cui l'Italia è diventata protagonista di un'apparizione soppiantata dalla diplomazia più accorta francese, russa e turca, che ha investito nei paesi del Nord Africa in vista di vantaggi economici che considerevolmente influire sugli interessi italiani.

Un altro gioco si gioca in Europa, in particolare con le relazioni che ha con l'America di Donald Trump. Più specificamente, i rapporti secondo cui un fenomeno in ripresa, come l'estrema destra in Europa, si riferiscono alle due potenze egemoniche, la Russia e gli Stati Uniti di Vladimir Putin.

Nei vari paesi europei in cui è sorta la pseudo-ideologia, sono stati di volta in volta supportati dalla Russia o dall'America.

Allora, dove si trova l'Italia nel contesto dell'UE e internazionale. La percezione che forse sia meglio da solo, riconquistare lo spirito e la personalità italiana sta diventando sempre più popolare con il crescente riconoscimento che l'esperimento dell'UE non è nel migliore interesse dell'Italia e la situazione attuale sta dimostrando agli italiani che forse lo è anche dannoso.

Torna in alto