Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Uccisa la giornalista investigativa Daphne Caruana Galizia

Uccisa la giornalista investigativa…

MALTA - Si chiamava Daphn...

ITALIANITA'

ITALIANITA'

Dobbiamo una immensa grat...

Innovazione? La risposta è Telegram - intervista a Rachele Zinzocchi

Innovazione? La risposta è Telegram…

Chi è Rachele Zinzocchi? ...

LA DANZA DELLA MEDITAZIONE E LO  YOGA DEL MOVIMENTO

LA DANZA DELLA MEDITAZIONE E LO YO…

La via tibetana alla salu...

Ricevuta e pubblicata:Lettera al Ministro dell'Interno

Ricevuta e pubblicata:Lettera al Mi…

 Gentile Ministro, molti...

Premio miglior tesi di laurea "la violenza sulle donne"

Premio miglior tesi di laurea …

ASSEGNAZIONE DEL PREMIO M...

Pescara del Tronto non si ricostruisce con le parole

Pescara del Tronto non si ricostrui…

“Le persone che hanno per...

PERFIDA ALBIONE, MA LA REGINA ESAUDIRA’ UNA CERTA PETIZIONE?

PERFIDA ALBIONE, MA LA REGINA ESAUD…

              Perfida Alb...

LEGGE ELETTORALE: OVVERO L’EMENDAMENTO IMPOSSIBILE

LEGGE ELETTORALE: OVVERO L’EMENDAME…

     Dalla caduta del mur...

EPHEBIA FESTIVAL 2017

EPHEBIA FESTIVAL 2017

L’Associazione di promozi...

Prev Next
A+ A A-

La rubrica del mensile dedicata alla raccolta di articoli sulla Politica. Si parla anche di Politica Interna, Relazioni Internazionali, Politica Estera, Politica Internazionale e Politica Comunitaria.

Uccisa la giornalista investigativa Daphne Caruana Galizia

MALTA - Si chiamava Daphne Caruana Galizia, la giornalista investigativa maltese uccisa lunedì da un’autobomba, aveva indagato sui rapporti finanziari tra la famiglia del premier Joseph Muscat e l’entourage del presidente dell’Azerbaigian Ilham Aliyev. E, secondo quanto riportano diversi quotidiani, esaminando i Panama leaks aveva scoperto che sul conto corrente panamense della Egrant, società riconducibile a sua moglie, era arrivato un milione di dollari dalla figlia di Aliyev. Non solo: aveva ricostruito che anche il 60% del capitale della Pilatus bank, su cui erano transitati i soldi, era dei figli del dittatore azero e del suo ministro Kamaladin Heydarov. Tutto questo senza che l’antiriciclaggio maltese alzasse un dito per segnalare operazioni sospette.

Leggi tutto...

Ricevuta e pubblicata:Lettera al Ministro dell'Interno

 Gentile Ministro,

molti addetti ai lavori hanno salutato la sua nomina con plauso e compiacimento, chi Le scrive, certamente per una desueta abitudine, aspetta che Le possa essere ascritto qualche fatto positivo e concreto per esprimerLe le dovute congratulazioni. Considerata la pesante incidenza dell’ordine e della sicurezza pubblica sulla politica, non mi sfugge che, la carica istituzionale che pro-tempore sta esercitando, comporti oggettive difficoltà superabili se si conoscono in profondità e con esattezza le competenze che la Costituzione ha assegnato al Ministero dell’Interno.

Leggi tutto...

Pescara del Tronto non si ricostruisce con le parole

“Le persone che hanno perso i propri cari nel crollo delle case di Pescara del Tronto meritano maggiore rispetto”, lo afferma Sergio Giangregorio portavoce dell’Associazione dei familiari delle vittime del terremoto “Iostoconpescaradeltronto” a margine della commemorazione ufficiale del 24 agosto. “Non è possibile” ha proseguito Giangregorio” che negli incontri istituzionali in cui vengono ricordate le vittime del sisma ai familiari non sono riservati neppure dei posti a sedere. Senza parlare dell’inerzia dei politici ormai capaci soltanto di presenziare agli eventi. Le parole da sole non bastano. Occorre fare presto ed iniziare i processi della ricostruzione altrimenti il centro Italia morirà”. Tali dichiarazioni riportate da una nota dell'agenzia di stampa EECPRESS si aggiungono alle iniziative che l'associazione sta portando avanti intenta a difendere i diritti dei familiari delle vittime nel difficile percorso di ricostruzione.

Leggi tutto...

LEGGE ELETTORALE: OVVERO L’EMENDAMENTO IMPOSSIBILE

     Dalla caduta del muro di Berlino e quindi dal ritiro dell’ombrello americano a protezione della nostra amata Italia, il nostro paese ma soprattutto i politici, che da quella data fino ad oggi si sono succeduti al Governo e nel Parlamento, non sono riusciti ad estrarre dal cilindro delle riforme una legge elettorale degna di un paese che nel mondo globalizzato deve possedere tutti gli strumenti necessari, inclusi quelli normativi, per competere dignitosamente con gli altri. 

    A parziale giustificazione di questo ripetuto fallimento di progettazione normativa, va precisato che dal 1992, anno dell’inchiesta Mani Pulite, siamo passati da statisti del calibro di Moro, Craxi, Andreotti, Berlinguer, Almirante, La Malfa padre, Spadolini a mezzecalzette che nemmeno appartengono alle seconde file rispetto ai politici appena citati, ma sono proprio gli ultimi degli ultimi, nel senso dello spessore morale, dello spessore delle capacità professionali, dello spessore delle competenze e dello spessore della cultura. 

Leggi tutto...

Grazie Polizia

Grazie grazie grazie ragazzi con queste parole il Ministro dell’Interno Marco Minniti ha concluso il suo appassionato intervento per le celebrazioni della festa della Polizia di Stato 2017.

Viviamo tempi difficili ha esordito il Ministro una settimana orribile con una serie di attentati nel mondo in cui si è voluto colpire la quotidianità , la progressiva riduzione logistica nell’organizzazione degli attentati, ha poi portato l’analisi preventiva antiterrorismo alla cosiddetta “Prevedibilità zero“.

Siamo ora solo nella condizioni di prevedere l’imprevedibile, di avere una visione proiettata in avanti verso le azioni che ipoteticamente potrebbero accadere e l’intelligence si trasforma in un processo capace d’immaginare prima il tutto e di saper leggere ogni realtà.

Leggi tutto...

Militari E Polizia tra i meno pagati in Europa

La Ceuq si unisce alle proteste di militari e polizia che oltre ad essere tra  i meno pagati in Europa stanno subendo tagli significativi alle buste paga.

Con questi stipendi così bassi non è accettabile avere trattenute alte sulla busta paga, dichiara il Segretario Generale della Ceuq Funzione Pubblica Sergio Giangregorio,  anche nel mese di marzo le decurtazioni hanno avuto una forbice che va dai 100 ai 750 euro.

Il governo deve smettere di fare demagogia e bassa retorica , la sicurezza non è un prodotto che può subire alterazioni economiche.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS