Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE SISMA 2016

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAO…

Abbiamo deciso di pubblic...

I bandi de La Biennale di Venezia che i dj e i producers non devono farsi scappare

I bandi de La Biennale di Venezia c…

La Biennale di Venezia no...

Ventiquattro anni dalla morte di Mia Martini

Ventiquattro anni dalla morte di Mi…

Ogni morte è a sé, ma que...

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIO…

Non esiste città come Fir...

L’apoteosi del genio italiano: 500 anni dalla morte di Leonardo

L’apoteosi del genio italiano: 500 …

Roma, 27 apr – «Nacque un...

Dalle Marche la Lettera al presidente Tajani

Dalle Marche la Lettera al presiden…

Riceviamo e pubblichiamo ...

Prev Next
A+ A A-

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Lo abbiamo immaginato, sperato, ipotizzato, analizzato, alla fine è arrivato: il finale di Game of Thrones. L’ottava e ultima stagione della serie TV più seguita di sempre ha fatto discutere i fan di tutto il mondo, dai momenti epici della battaglia di Grande Inverno alle immagini shock della strage di Approdo del Re, ma stanotte il famoso gioco dei troni ha trovato la sua tanto attesa conclusione. In realtà le indiscrezioni sul finale della serie già circolavano in rete da alcuni giorni, scatenando letteralmente l’ira dei fan che hanno addirittura avviato una raccolta firme per far girare nuovamente l’ultima stagione. Ma facciamo il punto della situazione, con un briciolo di lucidità.

Mai una serie TV aveva catalizzato l’attenzione di un pubblico così vasto ed eterogeneo, amante del genere fantasy o no, questo è un fatto non opinabile ed è anche il punto di partenza di questa analisi. Se dovessimo chiederci perché mai un racconto ambientato in un medio evo alternativo, abitato da draghi, esseri con poteri sovrannaturali, non-morti e giganti abbia riscosso il successo a cui assistiamo, la risposta è in un passaggio proprio dell’ultima puntata. Tyrion, uno dei personaggi più amati dagli appassionati, rivolgendosi agli ultimi sopravvissuti chiede loro cosa unisce le persone: eserciti? Oro? Vessilli? No… le storie. Ma Tyrion, il saggio folletto di casa Lannister, in quel preciso momento non stava forse rivolgendosi a tutti noi? Che non sia tutta lì la morale di questa grande avventura? Forse nel 2019 abbiamo ancora lo sfrenato bisogno viscerale di appassionarci ad una storia, di sentirci profondamente trasportati emotivamente, di proiettare le nostre sensazioni su dei personaggi fittizi, di arrivare ad uno stato di coinvolgimento tale da sentirci parte di quella storia. Se fosse davvero così, ed io lo credo, allora Game of Thrones è una serie TV riuscita in pieno. L’idea stessa che il pubblico possa sentire il bisogno di manifestare attivamente il proprio dissenso verso la conclusione di una storia dimostra che il fan si è spogliato delle vesti di spettatore passivo, ha iniziato a reclamare un qualche diritto sull’evolversi di accadimenti a lui estranei. In un contesto storico e culturale in cui non è più possibile aggrapparsi alle grandi narrazioni del secolo scorso, Game of Thrones ha dato vita ad una dimensione in cui naufragare sospinti dal vento dell’immaginazione, ma soprattutto ha ricordato all’uomo del terzo millennio di essere ancora capace di venire sopraffatti dall’incanto e dalla meraviglia. Che un finale di stagione deluda e sorprenda (in senso sia negativo che positivo) è assolutamente normale, probabilmente è anche giusto. D’altronde dimentichiamo sempre più spesso due grandi verità: per prima cosa che le aspettative sono pericolose tanto nella vita quanto nella fiction, e poi che, volenti o nolenti, ogni storia è una storia infinita. 

Torna in alto