Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Ricostruiamo Beirut

Ricostruiamo Beirut

Concerto per Beirut per l...

La Turchia di Erdogan al limite dell’implosione

La Turchia di Erdogan al limite del…

Da mesi la Turchia sta vi...

Pescara del Tronto a quattro anni dal sisma

Pescara del Tronto a quattro anni d…

Sono da poco passate le 2...

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 agosto 2020

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 …

Vogliamo ricordare i nost...

Venezia vista da Belluno: esposte a Palazzo Fulcis le opere dei maggiori incisori bellunesi del Settecento

Venezia vista da Belluno: esposte a…

È stata inaugurata, a Pal...

Gli angeli non tremano

Gli angeli non tremano

Non dimenticheremo mai i ...

Buon compleanno Tommaso

Buon compleanno Tommaso

Tommaso ama ogni angolo d...

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico…

La politica globale sta c...

Iatrocrazia - La dittatura del Corona Virus

Iatrocrazia - La dittatura del Coro…

Il termine, in realtà, no...

Perché Chiara Ferragni è (sempre) una buona idea

Perché Chiara Ferragni è (sempre) u…

Quando ci sono di mezzo g...

Prev Next
A+ A A-

Avicii: album postumo, ma con consenso della famiglia (e per una buona causa)

Avicii: album postumo, ma con consenso della famiglia (e per una buona causa)

E’ quasi passato un anno dalla morte di Avicii, eppure, ancor oggi, ci tocca tutti. Quello del suicidio non solo è stato un gesto forte, ma è stato un tentativo, più o meno voluto, riuscito di far luce su quelle che sono le tensioni e le problematiche umane all’interno del music business. E la prova ne sono state le milioni di parole spese in questi mesi, anche da parte dei produttori, dove la tematica dello stress dovuto alle aspettative ed al voler “farsi spazio” si sono fatte sempre più sentite e indagate.

Come già molti sanno, dopo la morte del produttore è stato ritrovato il progetto sul quale questo stava lavorando prima di togliersi la vita, un album quasi del tutto formato, al quale mancavano solamente gli ultimi dettagli, aggiunte e accorgimenti. Non solo sono stati rinvenuti i brani, ma anche annotazioni, messaggi e mail riguardanti la produzione di quest’album. Aiutati da queste preziose indicazioni, un team di produttori ha concluso l’opera già prima iniziata e quasi conclusa, dando forma a quella che era, almeno fino al 20 aprile 2018 (data della morte del produttore), l’idea dell’artista svedese.

Con il consenso della famiglia, che ha ritenuto fosse giusto condividere la musica del proprio caro col pubblico, il singolo “SOS” uscirà domani 10 aprile 2019, mentre l’uscita dell’album è prevista per il 6 giugno di quest’anno. I ricavi provenienti da entrambe le operazioni verrano devoluti alla “Tim Bergling Foundation”, recentemente istituita proprio dalla famiglia con l’intento di far luce sulla salute mentale e incentrata sulla prevenzione al suicidio. Intanto, proprio oggi è uscito un teaser che presenta l’album, eccolo qui sotto.

Fonte: Soundwall.it

Torna in alto