Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

Prev Next
A+ A A-

Avicii: album postumo, ma con consenso della famiglia (e per una buona causa)

Avicii: album postumo, ma con consenso della famiglia (e per una buona causa)

E’ quasi passato un anno dalla morte di Avicii, eppure, ancor oggi, ci tocca tutti. Quello del suicidio non solo è stato un gesto forte, ma è stato un tentativo, più o meno voluto, riuscito di far luce su quelle che sono le tensioni e le problematiche umane all’interno del music business. E la prova ne sono state le milioni di parole spese in questi mesi, anche da parte dei produttori, dove la tematica dello stress dovuto alle aspettative ed al voler “farsi spazio” si sono fatte sempre più sentite e indagate.

Come già molti sanno, dopo la morte del produttore è stato ritrovato il progetto sul quale questo stava lavorando prima di togliersi la vita, un album quasi del tutto formato, al quale mancavano solamente gli ultimi dettagli, aggiunte e accorgimenti. Non solo sono stati rinvenuti i brani, ma anche annotazioni, messaggi e mail riguardanti la produzione di quest’album. Aiutati da queste preziose indicazioni, un team di produttori ha concluso l’opera già prima iniziata e quasi conclusa, dando forma a quella che era, almeno fino al 20 aprile 2018 (data della morte del produttore), l’idea dell’artista svedese.

Con il consenso della famiglia, che ha ritenuto fosse giusto condividere la musica del proprio caro col pubblico, il singolo “SOS” uscirà domani 10 aprile 2019, mentre l’uscita dell’album è prevista per il 6 giugno di quest’anno. I ricavi provenienti da entrambe le operazioni verrano devoluti alla “Tim Bergling Foundation”, recentemente istituita proprio dalla famiglia con l’intento di far luce sulla salute mentale e incentrata sulla prevenzione al suicidio. Intanto, proprio oggi è uscito un teaser che presenta l’album, eccolo qui sotto.

Fonte: Soundwall.it

Torna in alto