Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“La trilogia dei colori” di Maxence Fermine

“La trilogia dei colori” di Maxence…

Sono certa che il più gra...

“La felicità del cactus”, di Sarah Haywood

“La felicità del cactus”, di Sarah …

Ferragosto è passato e se...

Buon compleanno Telegram: sei anni di lotta per la libertà

Buon compleanno Telegram: sei anni …

“Buon compleanno Telegram...

La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

Prev Next
A+ A A-

Dall’inferno si ritorna

  • Pubblicato in Libri

Il libro di Christiana Ruggeri che riaccende i riflettori sull’ultimo genocidio del XX secolo

Una storia vera, quella di Bibi che a soli cinque anni è costretta a fuggire dal Ruanda a seguito del massacro da parte degli Hutu contro i Tutsi, raccontata da Christiana Ruggeri, giornalista degli esteri del Tg2 RAI. Leggendo il testo si riesce subito a visualizzare la storia, a viverla, proprio come nel migliore dei film al cinema: tutto scorre fluidamente e non è facile interrompere la lettura, in un susseguirsi emozionale di situazioni esterne ed interne alla protagonista. Non c’è cuore duro che tenga ad emozioni di questa portata: dalla strage familiare con la perdita della mamma, all’avvicendarsi di madri pro tempore con l’incontro in quel cammino, di persone che faranno la differenza come fossero angeli tra gli esseri umani, per quella bambina rimasta sola in fuga dalla violenza. Tanti dettagli e particolari, che richiamano situazioni assurde, come tasselli di un mosaico che diventa un puzzle grazie al filo conduttore rappresentato dalla vita di Bibi. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS