Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi Uniti e il primato universitario

Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi…

Poco più di 2,5 milioni d...

Dino Buzzati, l’illustratore della parola

Dino Buzzati, l’illustratore della …

Da poco più di una settim...

Perché è così importante che la “Pala dei Decemviri” di Perugino torni a Perugia?

Perché è così importante che la “Pa…

Dopo la “Madonna col Bamb...

Giorgio Bassani e il suo impegno per l’Italia

Giorgio Bassani e il suo impegno pe…

Riflessioni e argomentazi...

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è inizi...

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità: un fattore cruciale per le vacanze dei millennial

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità…

Dubai è stata tra le cinq...

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTURALE DEL GOLFO

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTUR…

Fervono i preparativi per...

“Un Amore” di Dino Buzzati

“Un Amore” di Dino Buzzati

Ideato nel 1959, ma pubbl...

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferr…

Google oggi, 3 ottobre, f...

“Un buon posto dove stare” di Francesca Manfredi

“Un buon posto dove stare” di Franc…

Libro d’esordio di France...

Prev Next
A+ A A-

"L'ULTIMA ESTATE"

  • Pubblicato in Libri

Scrivere un libro è iniziare un viaggio, è navigare all’interno di se stessi, dentro la propria storia per aprire una finestra di emozioni sul mondo.

Leggi tutto...

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE SISMA 2016

Abbiamo deciso di pubblicare il testo di questa lettera. Tutti dovrebbero leggerla.

Gentile Professor Farabollini,

mi chiamo Patrizia Marano, nel sisma del 24 agosto 2016 a Pescara del Tronto, ho perso mio figlio Tommaso di 14 anni, mio marito Alberto, i miei genitori Santa e Corrado, mio cognato Vito e tanti amici.

Io stessa sono rimasta per 5 ore sotto la mia casa crollata per poi, una volta tirata fuori dalle macerie, essere trasferita all’ospedale di Ascoli Piceno, dove sono rimasta ricoverata per varie patologie da schiacciamento, per 2 settimane.

Ho perso i miei affetti più cari e le due abitazioni che avevo a Pescara del Tronto, ma ho perso quella notte, anche la dignità di cittadina.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS