Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
45 anni fa Keith Jarrett entrava nel mito

45 anni fa Keith Jarrett entrava ne…

Prendete un pianista stat...

Arte e gioielleria

Arte e gioielleria

Quando arte e gioielleria...

Guerra ibrida

Guerra ibrida

Non ci sarà una terza gue...

Perché il calendario dei Carabinieri è ancora importante?

Perché il calendario dei Carabinier…

Scrittura e arte: abilità...

La storia di Marco e la sorpresa di Raoul

La storia di Marco e la sorpresa di…

Nella serata di ieri, sab...

“Producendo per gli altri, ho trovato me stesso”: intervista a SebastiAn

“Producendo per gli altri, ho trova…

In SebastiAn c’è sempre s...

L'augurio di Buon Natale 2019

L'augurio di Buon Natale 2019

"La musica è arte e a Bol...

La politica nell'era del "no alleati"

La politica nell'era del "no a…

Non vi è dubbio che si st...

PLPL 2019

PLPL 2019

Quest’anno si sono festeg...

“Lose Control? E’ nata in venti minuti, come Piece of Your Heart”: intervista a Meduza

“Lose Control? E’ nata in venti min…

Dopo quest’estate, non se...

Prev Next
A+ A A-

Rotta mediterranea - immigrazione e sicurezza

  • Pubblicato in Libri

Il libro “Rotta mediterranea immigrazione e sicurezza” pubblicato nel 2017 da Photocity edizioni OPEN e i suoi quattro autori s’inseriscono a pieno titolo nel vasto panorama saggistico letterario che l’immane tragedia dell’immigrazione purtroppo sta alimentando. In sei capitoli, pochi ma intensi, viene dimostrato come il Mediterraneo, culla di civiltà e culture, crocevia di scambi e commerci, si è già trasformato in un mare di disperazione, tomba di uomini, donne e bambini, cimitero di sogni e speranze, novello campo di concentramento liquido dove s’infrangono il desiderio di una vita migliore e la possibilità di salvezza. Il fulcro principale del testo è l’immane tragedia dell’immigrazione entrata prepotentemente nelle nostre esistenze a scardinare le nostre certezze e i nostri stili di vita acuita dal senso di paura e incertezze che si provano di volta in volta dopo destabilizzanti attentati terroristici.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS