Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival ...

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un murales. La famiglia:"Non è mai stato minaccia"

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un…

Vicino all'ambasciata d'E...

Le mani della Turchia sul Mediterraneo

Le mani della Turchia sul Mediterra…

La mire espansionistiche ...

Verità per Giulio

Verità per Giulio

Oggi 3 febbraio 2020 ri...

A febbraio il Breakbulk Middle East a Dubai, evento top per trasporto e logistica

A febbraio il Breakbulk Middle East…

Per il secondo anno conse...

Nucleare, prima centrale negli Emirati Arabi Uniti

Nucleare, prima centrale negli Emir…

Nucleare – Gli Emirati Ar...

Turchia e dintorni. Turchia campione dei non diritti umani

Turchia e dintorni. Turchia campion…

Che la Turchia stia attra...

1917

1917

È difficile raccontare la...

"Minchia Signor Tenente" in scena al Teatro degli Astri di Roma

"Minchia Signor Tenente" …

Dal 31 gennaio al 2 febbr...

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

Non ho mai amato troppo l...

Prev Next
A+ A A-

Dall’inferno si ritorna

  • Pubblicato in Libri

Il libro di Christiana Ruggeri che riaccende i riflettori sull’ultimo genocidio del XX secolo

Una storia vera, quella di Bibi che a soli cinque anni è costretta a fuggire dal Ruanda a seguito del massacro da parte degli Hutu contro i Tutsi, raccontata da Christiana Ruggeri, giornalista degli esteri del Tg2 RAI. Leggendo il testo si riesce subito a visualizzare la storia, a viverla, proprio come nel migliore dei film al cinema: tutto scorre fluidamente e non è facile interrompere la lettura, in un susseguirsi emozionale di situazioni esterne ed interne alla protagonista. Non c’è cuore duro che tenga ad emozioni di questa portata: dalla strage familiare con la perdita della mamma, all’avvicendarsi di madri pro tempore con l’incontro in quel cammino, di persone che faranno la differenza come fossero angeli tra gli esseri umani, per quella bambina rimasta sola in fuga dalla violenza. Tanti dettagli e particolari, che richiamano situazioni assurde, come tasselli di un mosaico che diventa un puzzle grazie al filo conduttore rappresentato dalla vita di Bibi. 

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS