Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
FARNESINA: CO.DI.AM COORDINAMENTO AMBASCIATE DEL SINDACATO CEUQ, RIFORMA STATUTO NORMATIVO DEI DIPENDENTI E INCONTRO URGENTE A DI MAIO

FARNESINA: CO.DI.AM COORDINAMENTO A…

GD – Roma, 24 gen. 20 – I...

45 anni fa Keith Jarrett entrava nel mito

45 anni fa Keith Jarrett entrava ne…

Prendete un pianista stat...

Arte e gioielleria

Arte e gioielleria

Quando arte e gioielleria...

Guerra ibrida

Guerra ibrida

Non ci sarà una terza gue...

Perché il calendario dei Carabinieri è ancora importante?

Perché il calendario dei Carabinier…

Scrittura e arte: abilità...

La storia di Marco e la sorpresa di Raoul

La storia di Marco e la sorpresa di…

Nella serata di ieri, sab...

“Producendo per gli altri, ho trovato me stesso”: intervista a SebastiAn

“Producendo per gli altri, ho trova…

In SebastiAn c’è sempre s...

L'augurio di Buon Natale 2019

L'augurio di Buon Natale 2019

"La musica è arte e a Bol...

La politica nell'era del "no alleati"

La politica nell'era del "no a…

Non vi è dubbio che si st...

PLPL 2019

PLPL 2019

Quest’anno si sono festeg...

Prev Next
A+ A A-

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è iniziare un viaggio, è navigare all’interno di se stessi, dentro la propria storia per aprire una finestra di emozioni sul mondo.

“L’ultima estate” rappresenta il viaggio nella memoria che, per l’autore Marcello Filotei, inizia il 24 agosto 2016, giorno in cui la scossa sismica delle ore 3:36 ha distrutto Pescara del Tronto.

Siamo di fronte ad un testo che vuole andare oltre il tempo, ma che del tempo ha saputo trattenere la lezione, parole arrese agli eventi ed alla realtà, che tuttavia riescono a dare speranze attraverso la memoria.

La memoria diventa così luogo del riscatto di fronte al dramma del terremoto, della rinascita, di un ritorno che si fa viaggio nuovo, come in un cerchio dove ogni passo in avanti è nello stesso tempo un passo indietro.

Naufrago e senza appigli, Filotei si vuole perdere nelle parole per curare le ferite del terremoto, con la consapevolezza di poter lasciare una testimonianza di Pescara del Tronto e della propria vicenda umana.

È  il tentativo, riuscito, di vedere nel buio una speranza.

“L’ultima estate” è, quindi, un atto d’amore per il piccolo borgo e soprattutto per le troppe vittime del terremoto, per i familiari, gli amici, i conoscenti che sono rimasti lì, sotto le macerie di Pescara del Tronto, su quella terra che oggi dobbiamo considerare sacra.

È l’esortazione per ricominciare a vivere, per non perdersi nei ricordi, ma ritrovarsi così come l’autore vuole ritrovare se stesso, gli altri ed il tempo ancora da percorrere.

Altro in questa categoria: « “Un Amore” di Dino Buzzati
Torna in alto