Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
L'inevitabilità storica ha bisogno di nuove prospettive

L'inevitabilità storica ha bisogno …

Negli ultimi anni, si è v...

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le implicazioni giordane delle sfid…

Le sfide in Medio Oriente...

La lotteria Impresa Sicura

La lotteria Impresa Sicura

Il Decreto Legge Cura Ita...

L’Italia cede il passo alla Turchia

L’Italia cede il passo alla Turchia

Perché la vicenda di Silv...

Emirates diventa la prima compagnia aerea a condurre test rapidi Covid-19

Emirates diventa la prima compagnia…

Nel mondo gravemente prov...

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Muore a 70 anni lo scritt...

In Turchia il Coronavirus fa paura: dichiarato stato di coprifuoco per 48 ore

In Turchia il Coronavirus fa paura:…

In Turchia per due gior...

La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Prev Next
A+ A A-

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è iniziare un viaggio, è navigare all’interno di se stessi, dentro la propria storia per aprire una finestra di emozioni sul mondo.

“L’ultima estate” rappresenta il viaggio nella memoria che, per l’autore Marcello Filotei, inizia il 24 agosto 2016, giorno in cui la scossa sismica delle ore 3:36 ha distrutto Pescara del Tronto.

Siamo di fronte ad un testo che vuole andare oltre il tempo, ma che del tempo ha saputo trattenere la lezione, parole arrese agli eventi ed alla realtà, che tuttavia riescono a dare speranze attraverso la memoria.

La memoria diventa così luogo del riscatto di fronte al dramma del terremoto, della rinascita, di un ritorno che si fa viaggio nuovo, come in un cerchio dove ogni passo in avanti è nello stesso tempo un passo indietro.

Naufrago e senza appigli, Filotei si vuole perdere nelle parole per curare le ferite del terremoto, con la consapevolezza di poter lasciare una testimonianza di Pescara del Tronto e della propria vicenda umana.

È  il tentativo, riuscito, di vedere nel buio una speranza.

“L’ultima estate” è, quindi, un atto d’amore per il piccolo borgo e soprattutto per le troppe vittime del terremoto, per i familiari, gli amici, i conoscenti che sono rimasti lì, sotto le macerie di Pescara del Tronto, su quella terra che oggi dobbiamo considerare sacra.

È l’esortazione per ricominciare a vivere, per non perdersi nei ricordi, ma ritrovarsi così come l’autore vuole ritrovare se stesso, gli altri ed il tempo ancora da percorrere.

Torna in alto