Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
FARNESINA: CO.DI.AM COORDINAMENTO AMBASCIATE DEL SINDACATO CEUQ, RIFORMA STATUTO NORMATIVO DEI DIPENDENTI E INCONTRO URGENTE A DI MAIO

FARNESINA: CO.DI.AM COORDINAMENTO A…

GD – Roma, 24 gen. 20 – I...

45 anni fa Keith Jarrett entrava nel mito

45 anni fa Keith Jarrett entrava ne…

Prendete un pianista stat...

Arte e gioielleria

Arte e gioielleria

Quando arte e gioielleria...

Guerra ibrida

Guerra ibrida

Non ci sarà una terza gue...

Perché il calendario dei Carabinieri è ancora importante?

Perché il calendario dei Carabinier…

Scrittura e arte: abilità...

La storia di Marco e la sorpresa di Raoul

La storia di Marco e la sorpresa di…

Nella serata di ieri, sab...

“Producendo per gli altri, ho trovato me stesso”: intervista a SebastiAn

“Producendo per gli altri, ho trova…

In SebastiAn c’è sempre s...

L'augurio di Buon Natale 2019

L'augurio di Buon Natale 2019

"La musica è arte e a Bol...

La politica nell'era del "no alleati"

La politica nell'era del "no a…

Non vi è dubbio che si st...

PLPL 2019

PLPL 2019

Quest’anno si sono festeg...

Prev Next
A+ A A-

“Un buon posto dove stare” di Francesca Manfredi

“Un buon posto dove stare” di Francesca Manfredi

Libro d’esordio di Francesca Manfredi, classe 1988, “Un buon posto dove stare” è vincitore del “Premio Campiello Opera Prima 2017”. 

L’autrice di Reggio Emilia non ci propone un romanzo “tradizionale”, ma una serie di racconti, che riescono a delineare la storia di tutti noi. Le undici storie, infatti, vedono come protagonisti single, coppie, famiglie, figli e genitori, anziani, giovani e bambini, ognuno alle prese con una nuova consapevolezza, che trapela dalle righe da cui è composta la narrazione.  Nella ricerca di questa virtù, è la casa a diventare protagonista.

L’abitazione non solo è luogo sicuro, ma è anche spazio nel quale ragionare sulle proprie debolezze e affanni, in una ricerca di sé unica e particolare. L’ambiente domestico è, inoltre, il posto in cui riaffiorano i ricordi, le suggestioni si fanno più vivide e i rapporti vengono stretti, rinnovati o spezzati definitivamente. 

Unica pecca, anche se è chiaro sia voluta, è la fretta con cui vengono chiusi i vari capitoli: il finale è aperto, sta a noi interpretarlo, ma lascia un senso di incompletezza che a volte non a tutti può esse congeniale. 

“Un buon posto dove stare” è un buon libro da leggere, scorrevole, profondo, ma non opprimente.

Torna in alto