Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Teatri di Pietra: PANNYCHIS, regia di Mariagiovanna Rosati Hansen (22 - 23 Giugno, Malborghetto)

Teatri di Pietra: PANNYCHIS, regia …

Nella mitologia greca, la...

Il Socrate si ribella al saluto romano

Il Socrate si ribella al saluto rom…

Le studentesse e gli stud...

Il discorso del Presidente del Consiglio dei Ministri italiano Giuseppe Conte

Il discorso del Presidente del Cons…

Il discorso programmatico...

DITELO A MATTARELLA…

DITELO A MATTARELLA…

Ebbene sì! Dopo il risult...

Controllo di Vicinato patrimonio degli italiani

Controllo di Vicinato patrimonio de…

Controllo di Vicinato pat...

Nasce l'Associazione Nazionale Controllo Di Vicinato ANCDV

Nasce l'Associazione Nazionale Cont…

Roma - È stata costituita...

ERO E LEANDRO di Alma Daddario, il 16 e 17 maggio al Teatro Abarico

ERO E LEANDRO di Alma Daddario, il …

Andrà in scena al Teatro ...

L'ATTIMO DI MEZZO A RIETI

L'ATTIMO DI MEZZO A RIETI

Grazie alle promesse mant...

MI SA CHE FUORI È PRIMAVERA

MI SA CHE FUORI È PRIMAVERA

Tratto dall’omonimo libro...

UN AMORE RUVIDO

UN AMORE RUVIDO

Preferisco scriverti.   ...

Prev Next
A+ A A-

Rotta mediterranea - immigrazione e sicurezza

Rotta mediterranea - immigrazione e sicurezza

Il libro “Rotta mediterranea immigrazione e sicurezza” pubblicato nel 2017 da Photocity edizioni OPEN e i suoi quattro autori s’inseriscono a pieno titolo nel vasto panorama saggistico letterario che l’immane tragedia dell’immigrazione purtroppo sta alimentando. In sei capitoli, pochi ma intensi, viene dimostrato come il Mediterraneo, culla di civiltà e culture, crocevia di scambi e commerci, si è già trasformato in un mare di disperazione, tomba di uomini, donne e bambini, cimitero di sogni e speranze, novello campo di concentramento liquido dove s’infrangono il desiderio di una vita migliore e la possibilità di salvezza. Il fulcro principale del testo è l’immane tragedia dell’immigrazione entrata prepotentemente nelle nostre esistenze a scardinare le nostre certezze e i nostri stili di vita acuita dal senso di paura e incertezze che si provano di volta in volta dopo destabilizzanti attentati terroristici.

Capitolo dopo capitolo vengono snocciolati problemi nuovi e soluzioni efficaci che coinvolgono tutti, dal cittadino agli organi costituzionali, impegnati ormai in una sfida quotidiana che nessuno può più ignorare, specialmente l’Italia, che per la sua posizione strategica, è considerata salvagente da tanti disperati e trampolino di lancio verso un futuro migliore in Europa che, talvolta, però ignora e si mostra latitante. Proprio l’UE e i paesi del bacino del Mediterraneo sono chiamati a dare risposte esaurienti alle nuove problematiche poiché l’immigrazione porta con sè anche implicazioni economiche non trascurabili. Gli autori usano un lessico specialistico ma chiaro, dati aggiornati, tabelle di sintesi, schemi e carte geografiche maneggiando il tutto con competenza, esperienza e senza ipocrisia. Il libro merita di essere letto non solo per le informazioni precise e dettagliate, per l’analisi lucida e attenta del fenomeno, ma anche per l’afflato umanitario che lo pervade e il senso d’empatia che aleggia tra le pagine e a cui ogni essere umano ha diritto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto