Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Ricostruiamo Beirut

Ricostruiamo Beirut

Concerto per Beirut per l...

La Turchia di Erdogan al limite dell’implosione

La Turchia di Erdogan al limite del…

Da mesi la Turchia sta vi...

Pescara del Tronto a quattro anni dal sisma

Pescara del Tronto a quattro anni d…

Sono da poco passate le 2...

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 agosto 2020

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 …

Vogliamo ricordare i nost...

Venezia vista da Belluno: esposte a Palazzo Fulcis le opere dei maggiori incisori bellunesi del Settecento

Venezia vista da Belluno: esposte a…

È stata inaugurata, a Pal...

Gli angeli non tremano

Gli angeli non tremano

Non dimenticheremo mai i ...

Buon compleanno Tommaso

Buon compleanno Tommaso

Tommaso ama ogni angolo d...

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico…

La politica globale sta c...

Iatrocrazia - La dittatura del Corona Virus

Iatrocrazia - La dittatura del Coro…

Il termine, in realtà, no...

Perché Chiara Ferragni è (sempre) una buona idea

Perché Chiara Ferragni è (sempre) u…

Quando ci sono di mezzo g...

Prev Next
A+ A A-

Rotta mediterranea - immigrazione e sicurezza

Rotta mediterranea - immigrazione e sicurezza

Il libro “Rotta mediterranea immigrazione e sicurezza” pubblicato nel 2017 da Photocity edizioni OPEN e i suoi quattro autori s’inseriscono a pieno titolo nel vasto panorama saggistico letterario che l’immane tragedia dell’immigrazione purtroppo sta alimentando. In sei capitoli, pochi ma intensi, viene dimostrato come il Mediterraneo, culla di civiltà e culture, crocevia di scambi e commerci, si è già trasformato in un mare di disperazione, tomba di uomini, donne e bambini, cimitero di sogni e speranze, novello campo di concentramento liquido dove s’infrangono il desiderio di una vita migliore e la possibilità di salvezza. Il fulcro principale del testo è l’immane tragedia dell’immigrazione entrata prepotentemente nelle nostre esistenze a scardinare le nostre certezze e i nostri stili di vita acuita dal senso di paura e incertezze che si provano di volta in volta dopo destabilizzanti attentati terroristici.

Capitolo dopo capitolo vengono snocciolati problemi nuovi e soluzioni efficaci che coinvolgono tutti, dal cittadino agli organi costituzionali, impegnati ormai in una sfida quotidiana che nessuno può più ignorare, specialmente l’Italia, che per la sua posizione strategica, è considerata salvagente da tanti disperati e trampolino di lancio verso un futuro migliore in Europa che, talvolta, però ignora e si mostra latitante. Proprio l’UE e i paesi del bacino del Mediterraneo sono chiamati a dare risposte esaurienti alle nuove problematiche poiché l’immigrazione porta con sè anche implicazioni economiche non trascurabili. Gli autori usano un lessico specialistico ma chiaro, dati aggiornati, tabelle di sintesi, schemi e carte geografiche maneggiando il tutto con competenza, esperienza e senza ipocrisia. Il libro merita di essere letto non solo per le informazioni precise e dettagliate, per l’analisi lucida e attenta del fenomeno, ma anche per l’afflato umanitario che lo pervade e il senso d’empatia che aleggia tra le pagine e a cui ogni essere umano ha diritto. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto