Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La storia di Dana Alblooshi, la 13enne araba che vuol diventare astronauta

La storia di Dana Alblooshi, la 13e…

Dana Alblooshi, nonostant...

Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi Uniti e il primato universitario

Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi…

Poco più di 2,5 milioni d...

Dino Buzzati, l’illustratore della parola

Dino Buzzati, l’illustratore della …

Da poco più di una settim...

Perché è così importante che la “Pala dei Decemviri” di Perugino torni a Perugia?

Perché è così importante che la “Pa…

Dopo la “Madonna col Bamb...

Giorgio Bassani e il suo impegno per l’Italia

Giorgio Bassani e il suo impegno pe…

Riflessioni e argomentazi...

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è inizi...

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità: un fattore cruciale per le vacanze dei millennial

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità…

Dubai è stata tra le cinq...

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTURALE DEL GOLFO

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTUR…

Fervono i preparativi per...

“Un Amore” di Dino Buzzati

“Un Amore” di Dino Buzzati

Ideato nel 1959, ma pubbl...

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferr…

Google oggi, 3 ottobre, f...

Prev Next
A+ A A-

ULTIMO PIANO (O PORNO TOTALE)

ULTIMO PIANO (O PORNO TOTALE)

«Oltre un certo numero non è possibile stipare gli oggetti nella sfera dei sentimenti. Oltre il milione, ad esempio: i milioni di stelle, i milioni di anni,i milioni di morti. Si inizia a contare con partecipazione, ma poi ci si perde oltre la vita, oltre le emozioni, perché nell’immensità non c’è né l’una né l’altra»

Ultimo piano narra la vicenda di un fratello e una sorella, di nome Claude e Claude, che lavorano nell’industria pornografica in ruoli diversi e con scopi opposti. La loro storia ruota attorno alla nascente carriera della donna e a un film dalle incredibili proprietà, il “porno totale”, che risucchierà le loro vite assieme a quelle di congiunti, amici e colleghi. Narratore e deus ex machina è Frank Spiegelman, «uomo orrendo» e proprietario della più grande casa di produzione pornografica di una Varsavia immaginaria, «capitale dell’Europa Federale». Tutto inizia, si svolge e finisce all’interno del grattacielo della sua azienda; un edificio che, grazie alla sua particolare struttura, influirà sullo stesso svolgersi degli eventi. Un romanzo che intreccia erotismo, filosofia, satira e distopia, ben imbrigliati dalla figura narrante, che li porterà verso la sintesi di un’inattesa conclusione. Un libro permeato da un erotismo che lo avvolge nella sua interezza senza mai esplicitarsi: la tensione rimarrà un rumore di fondo inespresso – perlomeno fino alla chiusura dell’inevitabile climax.

 

dal 4 giugno 2015 in tutte le librerie

 

«D’Isa è un indagatore dell’inquietudine attraverso la scrittura, l’arte, il fumetto, l’illustrazione

(e inquieto lui stesso, a giudicare dalle tante discipline con cui si cimenta con successo,

forte di una solida base filosofica)…»  

la Repubblica 

 

 

 

Francesco D’Isa è un artista visivo le cui opere vengono pubblicate
ed esposte in tutto il mondo. Nel 2007 ha dato vita al collettivo
internazionale Pornsaints. Scrive per il Post e RT Books Review (USA). Ha
pubblicato il romanzo illustrato I. (Nottetempo, 2011), racconti in Selezione
Naturale (Efequ, 2013) e in Toscani Maledetti (Piano B, 2013) e il fumetto
Liebe macht nicht frei, baby (Retina Comics, 2013). Nel 2014 è uscito il suo
primo romanzo Anna. Storia di un palindromo per Effequ.



http://www.gizart.com/

 

Torna in alto