Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE SISMA 2016

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAO…

Abbiamo deciso di pubblic...

I bandi de La Biennale di Venezia che i dj e i producers non devono farsi scappare

I bandi de La Biennale di Venezia c…

La Biennale di Venezia no...

Ventiquattro anni dalla morte di Mia Martini

Ventiquattro anni dalla morte di Mi…

Ogni morte è a sé, ma que...

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIO…

Non esiste città come Fir...

L’apoteosi del genio italiano: 500 anni dalla morte di Leonardo

L’apoteosi del genio italiano: 500 …

Roma, 27 apr – «Nacque un...

Dalle Marche la Lettera al presidente Tajani

Dalle Marche la Lettera al presiden…

Riceviamo e pubblichiamo ...

Prev Next
A+ A A-

ULTIMO PIANO (O PORNO TOTALE)

ULTIMO PIANO (O PORNO TOTALE)

«Oltre un certo numero non è possibile stipare gli oggetti nella sfera dei sentimenti. Oltre il milione, ad esempio: i milioni di stelle, i milioni di anni,i milioni di morti. Si inizia a contare con partecipazione, ma poi ci si perde oltre la vita, oltre le emozioni, perché nell’immensità non c’è né l’una né l’altra»

Ultimo piano narra la vicenda di un fratello e una sorella, di nome Claude e Claude, che lavorano nell’industria pornografica in ruoli diversi e con scopi opposti. La loro storia ruota attorno alla nascente carriera della donna e a un film dalle incredibili proprietà, il “porno totale”, che risucchierà le loro vite assieme a quelle di congiunti, amici e colleghi. Narratore e deus ex machina è Frank Spiegelman, «uomo orrendo» e proprietario della più grande casa di produzione pornografica di una Varsavia immaginaria, «capitale dell’Europa Federale». Tutto inizia, si svolge e finisce all’interno del grattacielo della sua azienda; un edificio che, grazie alla sua particolare struttura, influirà sullo stesso svolgersi degli eventi. Un romanzo che intreccia erotismo, filosofia, satira e distopia, ben imbrigliati dalla figura narrante, che li porterà verso la sintesi di un’inattesa conclusione. Un libro permeato da un erotismo che lo avvolge nella sua interezza senza mai esplicitarsi: la tensione rimarrà un rumore di fondo inespresso – perlomeno fino alla chiusura dell’inevitabile climax.

 

dal 4 giugno 2015 in tutte le librerie

 

«D’Isa è un indagatore dell’inquietudine attraverso la scrittura, l’arte, il fumetto, l’illustrazione

(e inquieto lui stesso, a giudicare dalle tante discipline con cui si cimenta con successo,

forte di una solida base filosofica)…»  

la Repubblica 

 

 

 

Francesco D’Isa è un artista visivo le cui opere vengono pubblicate
ed esposte in tutto il mondo. Nel 2007 ha dato vita al collettivo
internazionale Pornsaints. Scrive per il Post e RT Books Review (USA). Ha
pubblicato il romanzo illustrato I. (Nottetempo, 2011), racconti in Selezione
Naturale (Efequ, 2013) e in Toscani Maledetti (Piano B, 2013) e il fumetto
Liebe macht nicht frei, baby (Retina Comics, 2013). Nel 2014 è uscito il suo
primo romanzo Anna. Storia di un palindromo per Effequ.



http://www.gizart.com/

 

Torna in alto