Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Se Vittorio Sgarbi diventa Presidente del MART

Se Vittorio Sgarbi diventa Presiden…

O lo si ama, o lo si odia...

DAJE MATTE’

DAJE MATTE’

Lettera aperta all’On. Sa...

Game of Thrones: 3 motivi per non farne a meno

Game of Thrones: 3 motivi per non f…

NO SPOILER! L’attesa è f...

Avicii: album postumo, ma con consenso della famiglia (e per una buona causa)

Avicii: album postumo, ma con conse…

E’ quasi passato un anno ...

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTEL CON LA VOSTRA CULTURA?

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTE…

Pagare con la cultura? Or...

INTERVISTA A MAX MATTEI

INTERVISTA A MAX MATTEI

Appassionato sin da giova...

Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo

Giornata mondiale della consapevole…

"Anche se per me è diffic...

Il coraggio di ricominciare

Il coraggio di ricominciare

Si diceva da settimane ch...

Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Prev Next
A+ A A-

CRISTIANA IANNOTTA ALLA FIERA DEL LIBRO DI ROMA

CRISTIANA IANNOTTA ALLA FIERA DEL LIBRO DI ROMA

Come nelle tragedie greche è la voce narrante a guidare gli spettatori nel percorso magico del teatro, così  nel libro “ A volte nulla è come sembra “ di Cristiana Iannotta, una voce fuori campo prende per mano i lettori e li accompagna nella conoscenza di personaggi singolari e bizzarri.

 Realtà diverse, quindi, che nella trama prendono corpo, si allontanano e di nuovo si uniscono a seconda delle suggestioni che, chi legge, trasferisce nella storia.

Scrivere un libro è fare un viaggio, è staccare le cime dal molo e prendere il mare, le onde, il sole, il vento, la pioggia. E’ anche,naturalmente, cercare un approdo, arrivare, mettere di nuovo i piedi a terra e pensare….. ce l’ho fatta, ho superato i miei limiti, ho cercato di comprendere i miei confini.

Cristiana, con la sua penna gialla, i suoi surreali personaggi, ha saputo stimolare la nostra ricettività intellettuale facendoci entrare nell’anima dei protagonisti e nella nostra fino a sovrapporle e a non saperle più distinguere, a tratti con uno stile quasi lirico altre volte con i dubbi di chi pensa sempre che nulla è come sembra.

Mai soffermarsi sull’aspetto esteriore delle cose, degli oggetti, delle persone, questo l’imperativo che la presentazione della del libro della Iannotta alla Fiera del Libro di Roma “Più libri più liberi”, ci ha lasciato nel cuore.

Messaggio che condividiamo e che cercheremo di fare nostro in futuro, utilizzando, come ponte, la scrittura perché come diceva Pessoa “si scrive perché la vita non basta”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto