Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAORDINARIO DEL GOVERNO PER LA RICOSTRUZIONE SISMA 2016

LETTERA APERTA AL COMMISSARIO STRAO…

Abbiamo deciso di pubblic...

I bandi de La Biennale di Venezia che i dj e i producers non devono farsi scappare

I bandi de La Biennale di Venezia c…

La Biennale di Venezia no...

Ventiquattro anni dalla morte di Mia Martini

Ventiquattro anni dalla morte di Mi…

Ogni morte è a sé, ma que...

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA FIRENZE (IN UN GIO…

Non esiste città come Fir...

L’apoteosi del genio italiano: 500 anni dalla morte di Leonardo

L’apoteosi del genio italiano: 500 …

Roma, 27 apr – «Nacque un...

Dalle Marche la Lettera al presidente Tajani

Dalle Marche la Lettera al presiden…

Riceviamo e pubblichiamo ...

Prev Next
A+ A A-

STARDUST

C’è nella lettura dell’ultimo libro di Rosario Molina l’impressione che la sua “melanconia” per un mondo che è stato e per quello che non è stato,

esprime anche l’amore, che pur sempre si affaccia nei suoi libri, per la vita così come avviene o è avvenuta. Il racconto porta nella pagina oltre la storia dei suoi personaggi e lo scorrere del tempo presente e fantastico, la capacità di liberare serenamente l’animo, quasi un bisogno, alleggerito dal piacere e non più dalla sofferenza di rivivere attraverso la scrittura l’umanità conosciuta e non. Ogni racconto pur essendo unico si arricchisce di quello successivo sino a divenire una realtà. O almeno così io li ho intesi. La fragilità umana si alleggerisce nella sua fantasticità, senza nulla perdere della fisicità che le “creature” del libro ci trasmettono.

 

 

 

 

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata

Torna in alto