Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Secondo messaggio nella bottiglia

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggio...

Osservazioni dal web

Osservazioni dal web

Sono due giorni che la mi...

La terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra

La terra non appartiene all’uomo, è…

“Quando avrete abbattuto ...

Klingande: “L’Album è pronto”

Klingande: “L’Album è pronto”

Un successo cresciuto “a ...

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO…

Il poco tempo e la poca d...

La contraddizione è ricchezza, è umanità: il viaggio di Nic Sarno

La contraddizione è ricchezza, è um…

Nic Sarno è senza dubbio ...

Not For Us: l’eleganza del silenzio

Not For Us: l’eleganza del silenzio

C’È QUALCOSA DI SPECIALE ...

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al ...

Prev Next
A+ A A-

La prima "spedizione solare" in Artico

MobileReporter fa la sua prima mossa per implementare uno dei progetti chiave della sua iniziativa Arctic Rounder: scattare foto a 360° dei territori polari nordici e collegarli a tour panoramici immersivi. Ogni utente di Google Maps può quindi percorrere questi percorsi virtuali per sentirsi più vicino al mondo, le regioni più remote e fragili, raramente visitate e poco conosciute dalla maggior parte delle persone. Stefano Valentino, MobileReporter Founder e Google Trusted Photographer, ha raggiunto la tundra siberiana vicino alla città di Yar Sale nella penisola di Yamal, dove ha trascorso un po' di tempo con una famiglia indigena Nenet che lo ha ospitato nel loro chum (tenda nomade tradizionale).

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS