Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Se Vittorio Sgarbi diventa Presidente del MART

Se Vittorio Sgarbi diventa Presiden…

O lo si ama, o lo si odia...

DAJE MATTE’

DAJE MATTE’

Lettera aperta all’On. Sa...

Game of Thrones: 3 motivi per non farne a meno

Game of Thrones: 3 motivi per non f…

NO SPOILER! L’attesa è f...

Avicii: album postumo, ma con consenso della famiglia (e per una buona causa)

Avicii: album postumo, ma con conse…

E’ quasi passato un anno ...

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTEL CON LA VOSTRA CULTURA?

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTE…

Pagare con la cultura? Or...

INTERVISTA A MAX MATTEI

INTERVISTA A MAX MATTEI

Appassionato sin da giova...

Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo

Giornata mondiale della consapevole…

"Anche se per me è diffic...

Il coraggio di ricominciare

Il coraggio di ricominciare

Si diceva da settimane ch...

Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Prev Next
A+ A A-

Ricordi

  • Pubblicato in Cultura

Quando ero ragazzina, al liceo, capitava che tornassi a casa a pranzo e parlassi con mia madre della giornata, e desiderosa di accettazione sociale, forse, ma anche convinta assertrice dei pareri delle mie amiche del cuore di allora, esprimevo pareri severi su questo o quel compagno di classe. Quello troppo composto, quello a modo, quello per me molto snob - (ma anche forse disadattata - lo snobismo è un grande alibi dei disadattati), troppo ordinario. 

Mia madre allora diceva: "ma lui è contento così". E anche dopo, mi sa anche adesso quando parliamo di mondi, scelte, piaceri sideralmente lontani dai nostri mia madre diceva e dice "lasciala in pace, lascialo tranquillo: lui è contento così". 

Leggi tutto...

Nuovi tentativi di imporre "accordi regionali"

Verso l'ultimo anno del suo primo mandato, il presidente degli Stati Uniti Donald Trump perseguirà un accordo regionale in Medio Oriente, con particolare attenzione alla Palestina. Dall'inizio di questa amministrazione, ci sono state fughe di notizie e voci dalla Casa Bianca sulla "questione del secolo" per il Medio Oriente.

Il primo chiaro segno dell'interesse di questa amministrazione a trovare un accordo scuotendo la situazione fu quello di annunciare il riconoscimento di Gerusalemme come capitale di Israele e che l'ambasciata degli Stati Uniti in Israele sarebbe stata trasferita lì. Si trattava chiaramente di una mossa calcolata, poiché la rabbia e il respingimento di coloro che si opponevano non sembravano esercitare alcuna pressione sull'amministrazione.

Leggi tutto...

Roma

  • Pubblicato in Cultura

Roma è una città per diversi aspetti sempre più complicata, difficile, inospitale, le case care su strade impercorribili, i mezzi che o non passano o vanno a fuoco, i servizi che funzionano a singhiozzo - la bellezza struggente e maltrattata. 

Ugualmente però ha una cosa sua, per cui anche se è così complicata ti ci puoi fare una cuccia. 

Leggi tutto...

Le sfide interne ed esterne della Giordania

I recenti cambiamenti nella politica regionale e nella politica estera dimostrano l'importanza del ruolo regionale della Giordania. Date le tumultuose dinamiche regionali e la complessa crisi economica che affronta la Giordania, dobbiamo trovare nuovi modi per creare opportunità economiche. Tuttavia, qualsiasi ruolo politico regionale sostanziale o creazione di reali opportunità economiche richiede una visione a lungo termine sostanziale e strategica con la comprensione e la capacità di sviluppare e attuare piani a breve, medio e lungo termine. La cooperazione regionale e i progetti transfrontalieri non si concretizzano, richiedono leader intelligenti con visione e piani per navigare nelle dinamiche di situazioni complesse.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS