Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Se Vittorio Sgarbi diventa Presidente del MART

Se Vittorio Sgarbi diventa Presiden…

O lo si ama, o lo si odia...

DAJE MATTE’

DAJE MATTE’

Lettera aperta all’On. Sa...

Game of Thrones: 3 motivi per non farne a meno

Game of Thrones: 3 motivi per non f…

NO SPOILER! L’attesa è f...

Avicii: album postumo, ma con consenso della famiglia (e per una buona causa)

Avicii: album postumo, ma con conse…

E’ quasi passato un anno ...

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTEL CON LA VOSTRA CULTURA?

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTE…

Pagare con la cultura? Or...

INTERVISTA A MAX MATTEI

INTERVISTA A MAX MATTEI

Appassionato sin da giova...

Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo

Giornata mondiale della consapevole…

"Anche se per me è diffic...

Il coraggio di ricominciare

Il coraggio di ricominciare

Si diceva da settimane ch...

Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Prev Next
A+ A A-

Addio a Ray Tomlinson, l'inventore dell'email

Foto: www.wired.com Foto: www.wired.com

Ha cambiato per sempre il nostro modo di comunicare.

Fonte: http://it.ibtimes.com/ di Massimiliano Di Marco

Se abbiamo potuto comunicare in tutto il mondo, è stato anche grazie a lui, Ray Tomlinson. L’inventore delle email è deceduto all’età di 74 anni. Un nome meno noto di quello di Steve Jobs o di Bill Gates, ma che ha segnato gli ultimi decenni della tecnologia: provate a immaginare un mondo senza e-mail. 

Qualcun altro ci sarebbe probabilmente arrivato negli anni a venire, ma lui, all’epoca un dipendente della BBN Technologies, sviluppò un programma chiamato SNDMSG, che potremmo definire il nonno di Gmail e Outlook. Prima di questo software, parliamo del 1971, si potevano inviare note a diversi utenti che sfruttavano, però, lo stesso computer. L’idea al momento fu rivoluzionaria e tutt’oggi, pensandoci per un attimo, lo è: parlare con persone da tutt’altra parte, anche a migliaia di chilometri di distanza, tramite un computer. 

Torna in alto