Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

LA TEMPESTA CHE TUTTO DISTRUGGE

Non ho mai amato troppo l...

FARNESINA: CO.DI.AM COORDINAMENTO AMBASCIATE DEL SINDACATO CEUQ, RIFORMA STATUTO NORMATIVO DEI DIPENDENTI E INCONTRO URGENTE A DI MAIO

FARNESINA: CO.DI.AM COORDINAMENTO A…

GD – Roma, 24 gen. 20 – I...

45 anni fa Keith Jarrett entrava nel mito

45 anni fa Keith Jarrett entrava ne…

Prendete un pianista stat...

Arte e gioielleria

Arte e gioielleria

Quando arte e gioielleria...

Guerra ibrida

Guerra ibrida

Non ci sarà una terza gue...

Perché il calendario dei Carabinieri è ancora importante?

Perché il calendario dei Carabinier…

Scrittura e arte: abilità...

La storia di Marco e la sorpresa di Raoul

La storia di Marco e la sorpresa di…

Nella serata di ieri, sab...

“Producendo per gli altri, ho trovato me stesso”: intervista a SebastiAn

“Producendo per gli altri, ho trova…

In SebastiAn c’è sempre s...

L'augurio di Buon Natale 2019

L'augurio di Buon Natale 2019

"La musica è arte e a Bol...

La politica nell'era del "no alleati"

La politica nell'era del "no a…

Non vi è dubbio che si st...

Prev Next
A+ A A-

Addio a Ray Tomlinson, l'inventore dell'email

Foto: www.wired.com Foto: www.wired.com

Ha cambiato per sempre il nostro modo di comunicare.

Fonte: http://it.ibtimes.com/ di Massimiliano Di Marco

Se abbiamo potuto comunicare in tutto il mondo, è stato anche grazie a lui, Ray Tomlinson. L’inventore delle email è deceduto all’età di 74 anni. Un nome meno noto di quello di Steve Jobs o di Bill Gates, ma che ha segnato gli ultimi decenni della tecnologia: provate a immaginare un mondo senza e-mail. 

Qualcun altro ci sarebbe probabilmente arrivato negli anni a venire, ma lui, all’epoca un dipendente della BBN Technologies, sviluppò un programma chiamato SNDMSG, che potremmo definire il nonno di Gmail e Outlook. Prima di questo software, parliamo del 1971, si potevano inviare note a diversi utenti che sfruttavano, però, lo stesso computer. L’idea al momento fu rivoluzionaria e tutt’oggi, pensandoci per un attimo, lo è: parlare con persone da tutt’altra parte, anche a migliaia di chilometri di distanza, tramite un computer. 

Torna in alto