Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Perché è così importante che la “Pala dei Decemviri” di Perugino torni a Perugia?

Perché è così importante che la “Pa…

Dopo la “Madonna col Bamb...

Giorgio Bassani e il suo impegno per l’Italia

Giorgio Bassani e il suo impegno pe…

Riflessioni e argomentazi...

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è inizi...

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità: un fattore cruciale per le vacanze dei millennial

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità…

Dubai è stata tra le cinq...

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTURALE DEL GOLFO

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTUR…

Fervono i preparativi per...

“Un Amore” di Dino Buzzati

“Un Amore” di Dino Buzzati

Ideato nel 1959, ma pubbl...

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferr…

Google oggi, 3 ottobre, f...

“Un buon posto dove stare” di Francesca Manfredi

“Un buon posto dove stare” di Franc…

Libro d’esordio di France...

Donne e Islam: la svolta degli Emirati Arabi Uniti

Donne e Islam: la svolta degli Emir…

Le questioni di genere, o...

Emirati Arabi Uniti alla riunione ministeriale sulla Libia a New York

Emirati Arabi Uniti alla riunione m…

Lo sceicco Abdullah bin Z...

Prev Next
A+ A A-

Addio a Ray Tomlinson, l'inventore dell'email

Foto: www.wired.com Foto: www.wired.com

Ha cambiato per sempre il nostro modo di comunicare.

Fonte: http://it.ibtimes.com/ di Massimiliano Di Marco

Se abbiamo potuto comunicare in tutto il mondo, è stato anche grazie a lui, Ray Tomlinson. L’inventore delle email è deceduto all’età di 74 anni. Un nome meno noto di quello di Steve Jobs o di Bill Gates, ma che ha segnato gli ultimi decenni della tecnologia: provate a immaginare un mondo senza e-mail. 

Qualcun altro ci sarebbe probabilmente arrivato negli anni a venire, ma lui, all’epoca un dipendente della BBN Technologies, sviluppò un programma chiamato SNDMSG, che potremmo definire il nonno di Gmail e Outlook. Prima di questo software, parliamo del 1971, si potevano inviare note a diversi utenti che sfruttavano, però, lo stesso computer. L’idea al momento fu rivoluzionaria e tutt’oggi, pensandoci per un attimo, lo è: parlare con persone da tutt’altra parte, anche a migliaia di chilometri di distanza, tramite un computer. 

Torna in alto