Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Giordania: la necessità di rivedere politiche e procedure

Giordania: la necessità di rivedere…

Stiamo andando nella gius...

BOHEMIAN RHAPSODY

BOHEMIAN RHAPSODY

Ieri sera ho visto "Bohem...

Abbiate il coraggio di restare soli

Abbiate il coraggio di restare soli

La lettera del sindaco, l...

Buon anno e 195 giga di questi pixel!

Buon anno e 195 giga di questi pixe…

Una foto da 195 miliardi ...

Ciao Antonio

Ciao Antonio

"Se potessi fermare il te...

Riceviamo e pubblichiamo: lettera aperta al Ministro per la Pubblica Amministrazione

Riceviamo e pubblichiamo: lettera a…

LETTERA APERTA AL MINISTR...

Allerta USA su spionaggio dalla CINA

Allerta USA su spionaggio dalla CIN…

Quante aziende tecnologic...

Black Friday e test del DNA

Black Friday e test del DNA

Eccoci ci siamo è in arri...

Riconoscere un profilo fake

Riconoscere un profilo fake

Quante volte abbiamo sent...

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

Lo scorso 29 ottobre si s...

Prev Next
A+ A A-

www.asimpleresponse.org:SU QUESTO SITO PUOI LASCIARE UN MESSAGGIO DA INVIARE NELLO SPAZIO

www.asimpleresponse.org:SU QUESTO SITO PUOI LASCIARE UN MESSAGGIO DA INVIARE NELLO SPAZIO
Fonte:http://motherboard.vice.com/ di Antonella Di Biase

Per la prima volta ci hanno provato i russi nel 1962 con il   Messaggio Morse che conteneva le parole “pace”, “URSS” e “Lenin” inviato in direzione di Venere. Di lì in poi una lunga serie di missive cosmiche dai temi più disparati, dal codice genetico della poteina RuBisCO alle frasi di speranza degli adolescenti.

 

Da anni mi chiedo quale sia il senso dell’inviare dei messaggi radio nello spazio. Di per sé l’iniziativa è poetica e significativa, anche perché l’idea di comunicare con forme di vita extraterrestri o con una civiltà umana del futuro dovrebbe spronare chiunque a formulare il migliore dei messaggi possibili—"Lenin" escluso. E questo è molto bello.

Ma la logica struggente che fa cadere il mio castello di carte interstellare è: siamo proprio sicuri che qualcuno, lì nello spazio profondo, se esiste, riesca davvero a captare le onde radio? Non sono un’invenzione umana e basta?

Nel dubbio i ricercatori dell'Università di Edimburgo, in collaborazione con il Centro britannico di Tecnologia Astronomica, hanno dato vita a un progetto di trasmissione cosmica chiamato A Simple Response to an Elemental Message. L'idea è quella di trasformare in onde radio tutti i messaggi che verranno raccolti sul sito dell'iniziativa e che rispondono alla domanda: "in che modo le nostre attuali interazioni con l'ambiente influiranno sul futuro?" Le onde verranno trasmesse in direzione della stella Polare e impiegheranno 434 anni per raggiungerla.

"Essenzialmente, l'architettura del progetto è poeticamente intesa per rispondere alla luce della Stella Polare [Polaris α UMi Aa] con un'altra forma d'onda (radio) utilizzando l'engagement concettuale del pubblico come contenuto", recita la sezione about del sito.

Un modo per far riflettere sul destino del pianeta e sull'era geologica in cui viviamo, l'Antropocene, proiettando concretamente le persone nel futuro: se pensiamo a un messaggio da scrivere non possiamo fare a meno di immaginare lo stato in cui si troverà la Terra quando le onde radio arriveranno a destinazione, tra più di 400 anni.

Abbiamo ancora 171 giorni e rotti per pensare a una manciata di parole che valga la pena trasmettere nel cosmo. Che vengano recepite oppure no non è poi così importante.

Torna in alto