Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Friends” festeggia il 25esimo compleanno

“Friends” festeggia il 25esimo comp…

Quando è stato lanciato i...

Expo2020: il regalo di Dubai al mondo

Expo2020: il regalo di Dubai al mon…

Si avvicina l’inizio di u...

“Il Re Leone”: ci piace davvero mettere in gioco la nostra infanzia?

“Il Re Leone”: ci piace davvero met…

Non vi è dubbio che il li...

Guerra in Libia, il ruolo degli Emirati Arabi nel conflitto

Guerra in Libia, il ruolo degli Emi…

Nel difficile contesto li...

Gli Emirati Arabi Uniti condannano il piano di annessione di Netanyahu

Gli Emirati Arabi Uniti condannano …

Le monarchie del Golfo co...

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la sfida allo spazio

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la…

L’obiettivo degli Emirati...

Quando il semplice rischio si trasforma in una crisi profonda

Quando il semplice rischio si trasf…

Il trattamento degli inse...

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

PIÙ ANTICIPAZIONI DI TESO...

LO YOGA DEL SOGNO

LO YOGA DEL SOGNO

È possibile rimanere cosc...

Era il 3 settembre 1982

Era il 3 settembre 1982

In data 03 Settembre 1982...

Prev Next
A+ A A-

www.asimpleresponse.org:SU QUESTO SITO PUOI LASCIARE UN MESSAGGIO DA INVIARE NELLO SPAZIO

www.asimpleresponse.org:SU QUESTO SITO PUOI LASCIARE UN MESSAGGIO DA INVIARE NELLO SPAZIO
Fonte:http://motherboard.vice.com/ di Antonella Di Biase

Per la prima volta ci hanno provato i russi nel 1962 con il   Messaggio Morse che conteneva le parole “pace”, “URSS” e “Lenin” inviato in direzione di Venere. Di lì in poi una lunga serie di missive cosmiche dai temi più disparati, dal codice genetico della poteina RuBisCO alle frasi di speranza degli adolescenti.

 

Da anni mi chiedo quale sia il senso dell’inviare dei messaggi radio nello spazio. Di per sé l’iniziativa è poetica e significativa, anche perché l’idea di comunicare con forme di vita extraterrestri o con una civiltà umana del futuro dovrebbe spronare chiunque a formulare il migliore dei messaggi possibili—"Lenin" escluso. E questo è molto bello.

Ma la logica struggente che fa cadere il mio castello di carte interstellare è: siamo proprio sicuri che qualcuno, lì nello spazio profondo, se esiste, riesca davvero a captare le onde radio? Non sono un’invenzione umana e basta?

Nel dubbio i ricercatori dell'Università di Edimburgo, in collaborazione con il Centro britannico di Tecnologia Astronomica, hanno dato vita a un progetto di trasmissione cosmica chiamato A Simple Response to an Elemental Message. L'idea è quella di trasformare in onde radio tutti i messaggi che verranno raccolti sul sito dell'iniziativa e che rispondono alla domanda: "in che modo le nostre attuali interazioni con l'ambiente influiranno sul futuro?" Le onde verranno trasmesse in direzione della stella Polare e impiegheranno 434 anni per raggiungerla.

"Essenzialmente, l'architettura del progetto è poeticamente intesa per rispondere alla luce della Stella Polare [Polaris α UMi Aa] con un'altra forma d'onda (radio) utilizzando l'engagement concettuale del pubblico come contenuto", recita la sezione about del sito.

Un modo per far riflettere sul destino del pianeta e sull'era geologica in cui viviamo, l'Antropocene, proiettando concretamente le persone nel futuro: se pensiamo a un messaggio da scrivere non possiamo fare a meno di immaginare lo stato in cui si troverà la Terra quando le onde radio arriveranno a destinazione, tra più di 400 anni.

Abbiamo ancora 171 giorni e rotti per pensare a una manciata di parole che valga la pena trasmettere nel cosmo. Che vengano recepite oppure no non è poi così importante.

Torna in alto