Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

Prev Next
A+ A A-

SAUNALAHTI SCHOOL IN FINLANDIA, UNA SCUOLA SENZA BARRIERE

Saunalahti School Saunalahti School

L’innovazione in Finlandia passa anche attraverso la scuola, ne è un esempio la Saunalahti school a Espoo. Il progetto, dei Verstas Architects, gli spazi educativi si estendono al di fuori dell’edificio, migliorando la qualità della vita urbana intorno ad essa.

 

Riportiamo qui di seguito un articolo tratto da:http://ischool.startupitalia.eu/  di Carlotta Balena

 

“Una scuola finlandese ancora migliore delle altre scuole finlandesi” dice il sito finland.fi, del ministero degli affari esteri della Finlandia, presentando la Saunalahti school nella città di Espoo. Come dire, abbiamo superato noi stessi: se le scuole finlandesi sono ai vertici mondiali per qualità di strutture e risultati scolastici degli alunni, la “scuola del futuro” recentemente inaugurata farà anche meglio,diventando “metafora dell’istruzione finlandese contemporanea”. Costruita dalla famosa società di architetti Verstas, ospita 750 studenti, dalla scuola d’infanzia all’adolescenza, in una struttura di 10 mila metri quadri che comprende l’asilo e lo “youth club”, la caffetteria, la biblioteca e la palestra.

 

Spazi aperti, aria e luce 

Spesso gli psicologi sostengono che se cambiamo il nostro approccio all’istruzione e all’educazione, molti alunni cambierebbero il loro atteggiamento verso la scuola e sarebbero portati ad amarla, anziché odiarla. Fatta eccezione per il primo giorno di scuola, infatti, in cui tutti siamo più o meno eccitati dalla novità, per gran parte dei bambini la quotidianità scolastica porta un senso di noia e svilimento. Alla Saunalahti school hanno trovato un modo brillante per risolvere il problema, cominciando proprio dall’edificio.

“Più che una scuola sembra un museo d’arte modera, pieno di luce e aria.”

Gli architetti della Verstas sono stati molto attenti a fare qualcosa di diverso dal tipico design delle scuole pubbliche. Secondo l’architetto Ilkka Salminen, che ha partecipato nella costruzione della scuola con gli altri architetti Väinö Nikkilä, Jussi Palva e Riina Palva, “l’istituto non è pensato solo come un posto dove studiare le materie tradizionali, ma per diventare un punto focale della città di Espoo”. La biblioteca, infatti, è aperta al pubblico di sera, e “c’è una crescente integrazione tra la scuola, l’asilo e lo youth club”.

Libertà di movimento

L’insegnamento avviene in un’atmosfera rilassata: i bambini possono sedersi dove vogliono e in qualsiasi posizione desiderino, e la discussione tra gli alunni è molto incoraggiata. Ogni bambino può muoversi nella classe liberamente, portandosi dietro anche le sedie. Se ne sentono il bisogno, possono anche distendersi sul divano con il computer poggiato su un supporto. In questa scuola, infatti, i laptop hanno sostituito la lavagna e molte lezioni sono strutturate intorno al concetto di progetto di squadra. Il design delle aule è totalmente di supporto al processo di apprendimento. Per esempio, i muri di vetro tra le classi permettono agli studenti di lavorare in gruppi. 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

   

Bar, il ristorante e lo sport

Il ristorante è dove gli studenti e insegnanti si incontrano in un momento diverso dal processo di apprendimento. C’è anche un piccolo palcoscenico che può essere usato per performance teatrali, incontri e festeggiamenti. Le aree aperte della scuola sono specificatamente disegnate per dare ai bambini uno spazio dove passeggiare, e sono personalizzate per gli alunni della primaria o della secondaria. Durante le serate, la scuola si trasforma in un centro per intrattenimento e sport per tutti i cittadini del vicinato. Per le decorazioni degli interni e degli esterni, gli architetti hanno usato materiali naturali che aiutano a creare un’atmosfera calda ed accogliente. I muri esterni sono stati costruiti usando diversi metodi di costruzione in un pattern che dà l’idea di casuale per incoraggiare i piccoli ad apprendere. Nelle aree dove i bambini giocano e si rilassano le pareti sono dipinte con colori vivaci ed ogni aula ha colori diversi (e non ci si può perdere). 

La scuola senza barriere

Gli spazi aperti della scuola sono collegati con le aule interne e allo stesso tempo tutte le zone della scuola sono collegate tra loro. I designer hanno creduto che ogni barriera all’interno della scuola fosse presa dagli studenti come una cosa contro cui ribellarsi: per questo, l’intero spazio è concepito in modo aperto. Le grandi finestre che affacciano sulla strada danno agli studenti il senso di connessione con il mondo esterno e nelle loro vicinanze c’è sempre un posto dove i bambini possono sedersi, in modo che non si sentano racchiusi in quattro mura. Sensazione che forse, a scuola, abbiamo provato tutti, almeno una volta.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

                                          

 

 

 

                                                                                                                               

 

 

Torna in alto