Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Tragico Egitto senza democrazia e libertà per le donne

Tragico Egitto senza democrazia e l…

Quando si parla di donne ...

A Dubai il “Think Science World Fair”, grande occasione per i giovani di talento

A Dubai il “Think Science World Fai…

Emirates Foundation, l’or...

“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival Everett

“Quanto blu” di Percival ...

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un murales. La famiglia:"Non è mai stato minaccia"

Regeni abbraccia Patrick Zaky in un…

Vicino all'ambasciata d'E...

Le mani della Turchia sul Mediterraneo

Le mani della Turchia sul Mediterra…

La mire espansionistiche ...

Verità per Giulio

Verità per Giulio

Oggi 3 febbraio 2020 ri...

A febbraio il Breakbulk Middle East a Dubai, evento top per trasporto e logistica

A febbraio il Breakbulk Middle East…

Per il secondo anno conse...

Nucleare, prima centrale negli Emirati Arabi Uniti

Nucleare, prima centrale negli Emir…

Nucleare – Gli Emirati Ar...

Turchia e dintorni. Turchia campione dei non diritti umani

Turchia e dintorni. Turchia campion…

Che la Turchia stia attra...

1917

1917

È difficile raccontare la...

Prev Next
A+ A A-

La storia di Dana Alblooshi, la 13enne araba che vuol diventare astronauta

La storia di Dana Alblooshi, la 13enne araba che vuol diventare astronauta

Dana Alblooshi, nonostante la giovane età, 13 anni sembra essere una ragazza molto determinata, oltre ad essere un piccolo prodigio. Nella sua vita due passioni: la scienza e la scrittura e in tutti e due gli ambiti la giovane sta facendo tutti i passi per raggiungere i suoi obiettivi.

Ha da poco pubblicato un libro,  13 Amazing Women of Arabia, che è un omaggio alle donne arabe che hanno svolto un ruolo primario nella storia del paese, in diversi settori, come scienza, governo, moda, affari, sport e altro ancora.

Ancora di più si sta impegnando per riuscire in ciò che le sta più a cuore: diventare un’astronauta, la prima nella sua nazione, gli Emirati Arabi Uniti. Il suo sogno in parte si è già realizzato, o quanto meno sono stati fatti i primi passi in questa direzione, infatti, quando aveva solo nove anni è stata selezionata per trascorrere un periodo di tempo presso la NASA partecipando a programmi e addestramento della più importante agenzia aerospaziale del mondo.

Dana ha seguito un addestramento pratico avanzato in scienze spaziali (addestramento dal vivo e simulazione) e progettazione, programmazione e lancio di missili. Il suo progetto di un razzo ha impressionato i funzionari di Huntsville, così come il suo progetto per un robot spaziale.

Questa esperienza ha rafforzato sempre più il suo desiderio di sperimentare, progettare e lavorare nel settore aerospaziale. Non stupisce quindi che la missione spaziale di Hazzaa Al Mansoori, primo astronauta emiratino che ha iniziato la sua missione nello spazio pochi giorni fa, sia un evento eccezionale per la giovane aspirante astronauta, che si è detta felice del fatto che gli Emirati Arabi Uniti si stiano interessando alla scoperta dell’universo e delle grandi possibilità che questo settore può dare per tutto il mondo.

Dana non è la sola nella sua famiglia ad avere “una marcia in più”, anche il fratello maggiore Adeeb è un piccolo genio. I due fratellini l’anno scorso sono stati premiati da S.A. Saeed Mohammed Al Tayer, CEO di Dubai Electricity and Water Authority (DEWA), per i loro meriti scientifici. Adeeb Alblooshi, ha ricevuto il premio “Person of the Generation 2018”, mentre sua sorella Dana, è stata nominata “Arab Child Ambassador for 2018” da Arab Achievers e Arab Group for Training and Consultancy in Egypt.

Il premio è stata anche un’occasione per ribadire la volontà del governo degli Emirati di investire nelle capacità intellettuali e creative dei giovani emiratini, che trovano nel proprio paese il terreno ideale per sviluppare e mettere in pratica le proprie idee, contribuendo alla loro crescita personale e a quella del paese.

Fonte: https://www.groi.eu/aAlAd

Torna in alto