Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
STRATEGIA, Turchia. Le alleanze e la politica estera aggressiva di Ankara

STRATEGIA, Turchia. Le alleanze e l…

Sempre più spesso gli S...

Ricostruiamo Beirut

Ricostruiamo Beirut

Concerto per Beirut per l...

La Turchia di Erdogan al limite dell’implosione

La Turchia di Erdogan al limite del…

Da mesi la Turchia sta vi...

Pescara del Tronto a quattro anni dal sisma

Pescara del Tronto a quattro anni d…

Sono da poco passate le 2...

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 agosto 2020

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 …

Vogliamo ricordare i nost...

Venezia vista da Belluno: esposte a Palazzo Fulcis le opere dei maggiori incisori bellunesi del Settecento

Venezia vista da Belluno: esposte a…

È stata inaugurata, a Pal...

Gli angeli non tremano

Gli angeli non tremano

Non dimenticheremo mai i ...

Buon compleanno Tommaso

Buon compleanno Tommaso

Tommaso ama ogni angolo d...

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico…

La politica globale sta c...

Iatrocrazia - La dittatura del Corona Virus

Iatrocrazia - La dittatura del Coro…

Il termine, in realtà, no...

Prev Next
A+ A A-
Fabio Carrozzo

Fabio Carrozzo

Laureato in Scienze per l’Investigazione e la Sicurezza presso l’Università degli Studi di Perugia. Ha svolto una tesi riguardante il “Safety and Security Management”. Esperto in sicurezza, nell’accezione sia teorica che pratica.

Laureando in Ricerca Sociale per la Sicurezza Interna ed Esterna (Safety and Security Manager).

Forte degli studi, presta particolare attenzione ai movimenti socio-economici, appassionato delle dinamiche di gruppo, si interessa al mercato e alle potenze finanziarie. Studioso delle differenti correnti di pensiero economico: da quello marginalista a quello classico, senza dimenticare quello monetarista e quello marxista.

Investiga sull’importanza che le culture hanno nei processi economici e si sofferma sulla rilevanza che la religione assume nella produttività.

 

URL del sito web: http://www.convincere.eu/economia

Economia di Comunione

L’economia è divenuta “cosa di tutti” da un po’ di anni a questa parte, paroloni difficili di origine anglofila, tappezzano e riempiono gli articoli dei nostri giornali. Con le righe a seguire, cercherò di soffermarmi, in ordine cronologico sui diversi pensieri economici che hanno forgiato l’economia attuale. 

In quest’articolo: Economia di Comunione.

Una corrente economica viva: intervista al Prof. Vernaglione

Di recente ho scritto un articolo sul pensiero economico della rinomata “Scuola Austriaca”. Sono molti i fattori che mi spingono a considerare questa corrente economica come “viva”. In primis, le nuove generazioni degli esperti ad essa strettamente legata. È come se, a partire da Menger ci fosse stata una sorta di studio continuo che ha permesso di tramandare questa corrente dal 1800 ai giorni nostri. La scuola austriaca, che abbia avuto un calo di appeal o meno, rappresenta sempre un tipo di approccio indispensabile per capire parte degli avvenimenti odierni.

Con l’unico fine di far chiarezza sulle peculiarità della “Scuola di Vienna” e di toglierci qualche curiosità, intervisto il professor Pietro Vernaglione, egli cura un sito sull’economista Murray Rothbard e sul libertarismo.

Scuola di Chicago

L’economia è divenuta “cosa di tutti” da un po’ di anni a questa parte, paroloni difficili di origine anglofila, tappezzano e riempiono gli articoli dei nostri giornali. Con le righe a seguire, cercherò di soffermarmi, in ordine cronologico sui diversi pensieri economici che hanno forgiato l’economia attuale.

In quest’articolo: la Scuola di Chicago

JFK: un mito ancora in voga

Ognuno di noi ha delle leggende ed insegue dei miti. Indubbiamente John Fitzegerald Kennedy è stato un esempio per molti, me compreso. Il mito di JFK trova riscontro nelle curve della Monroe, nel sorriso smagliante, nel suo essere cattolico e nella parlantina sciolta. Nixon aveva già perso contro il candidato democratico quando si presentò al “duello” televisivo per la poltrona di presidente degli Stati Uniti d’America. Dove finisce il mito di Kennedy e dove iniziano le capacità politiche di Kennedy?

Sottoscrivi questo feed RSS