Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
STRATEGIA, Turchia. Le alleanze e la politica estera aggressiva di Ankara

STRATEGIA, Turchia. Le alleanze e l…

Sempre più spesso gli S...

Ricostruiamo Beirut

Ricostruiamo Beirut

Concerto per Beirut per l...

La Turchia di Erdogan al limite dell’implosione

La Turchia di Erdogan al limite del…

Da mesi la Turchia sta vi...

Pescara del Tronto a quattro anni dal sisma

Pescara del Tronto a quattro anni d…

Sono da poco passate le 2...

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 agosto 2020

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 …

Vogliamo ricordare i nost...

Venezia vista da Belluno: esposte a Palazzo Fulcis le opere dei maggiori incisori bellunesi del Settecento

Venezia vista da Belluno: esposte a…

È stata inaugurata, a Pal...

Gli angeli non tremano

Gli angeli non tremano

Non dimenticheremo mai i ...

Buon compleanno Tommaso

Buon compleanno Tommaso

Tommaso ama ogni angolo d...

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico…

La politica globale sta c...

Iatrocrazia - La dittatura del Corona Virus

Iatrocrazia - La dittatura del Coro…

Il termine, in realtà, no...

Prev Next
A+ A A-

"Minchia Signor Tenente" in scena al Teatro degli Astri di Roma

  • Pubblicato in Eventi

Dal 31 gennaio al 2 febbraio il Teatro degli Astri di Roma ospiterà la Compagnia del Soqquadro con l’esilarante commedia Minchia Signor Tenente. La commedia, scritta da Antonio Grosso, si occupa di affrontare il difficile e spinoso tema della mafia con grazia e una buona dose di ironia e sensibilità. Minchia Signor Tenente narra le vicende di una piccola Stazione dei Carabinieri in un paesino non meglio identificato della Sicilia dei primi anni 90. Le giornate trascorrono lente, "qui non succede mai niente" sarà il leitmotiv della piece. La quotidianità scorre in maniera ordinariamente inesorabile. I carabinieri fanno di tutto per dare un pizzico di sale a queste lente giornate che d'improvviso verranno stravolte e sconvolte da un evento che sovvertirà per sempre l'ordine delle cose. Sul palco si esibiranno Andrea Bezziccheri, Andrea Chilò, Daniele De Matteis, Claudia Faraone, Francesco Masi, Andrea Notargiacomo Gianluca Senatore e Iacopo Spositi, l’aiuto alla regia è curato da Ilaria Crea. Convincere.eu ha incontrato il regista Marco De Riso che ci ha raccontato qualcosa in più sullo spettacolo. 

Leggi tutto...

ADELPHOE (I FRATELLI)

  • Pubblicato in Eventi

Publio Terenzio Afro, autore spesso considerato dai suoi contemporanei “troppo moderno”, ha scritto sei commedie “palliate” ispirate ad un modello greco, diversamente dalle  “togate” di ambientazione romana, operando una vera e propria riforma nell’ambito di questo genere, inserendovi nuovi contenuti ideologici ed attingendo dalla “NEA”, la commedia nuova ellenica di cui Menandro è l’esponente più noto. La carriera drammaturgica di Terenzio, non fu certo facile come quella di Plauto, forse perché nella sua opera non troviamo l’esuberanza, le acrobazie verbali, i giochi di parole del sarsinate. Terenzio, infatti, usa uno stile ed un linguaggio sobrio, naturale, all’insegna della compostezza e della semplicità evitando espressioni popolari e volgari, in omaggio forse all’esigenza di equilibrio e di raffinatezza che egli mutuava dal sofisticato circolo scipionico di cui faceva parte. Anche la “contaminatio” è usata da Terenzio in maniera diversa dagli altri autori latini, non ibridando una commedia con una mescolanza di varie commedie greche, ma inserendo una intera scena desunta da altri drammi all’interno di una sola commedia greca usata come modello. Nel Teatro “naturalistico” di Terenzio troviamo una suspense nuova.

Leggi tutto...

DAPHNE da Ovidio

  • Pubblicato in Eventi

Il mito di Apollo e Dafne è la storia di un amore mai realizzato, ma anche di un paradosso: proprio il dio protettore delle arti mediche non riesce a trovare un farmaco per la ferita infertagli da Eros; proprio il nume che conosce presente, passato e futuro, lascia che la sua mente onniveggente sia offuscata dalla tenace passione per la bellissima Dafne, figlia del fiume Peneo e di Gea.

Apollo, nel vederla, se ne innamora, ma la fanciulla, nel vedere il dio, fugge ed egli la invoca  …

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS