Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Di chi è il piede che spunta nelle dirette di Giuseppe Conte?

Di chi è il piede che spunta nelle …

In questi giorni, più che...

Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

159 anni dalla proclamazione dell'Unità d'Italia

159 anni dalla proclamazione dell'U…

"Sono passati 159 anni da...

La crisi globale e le sue scosse

La crisi globale e le sue scosse

L’Europa sta affrontando ...

Il riequilibrio ai tempi del COVID-19

Il riequilibrio ai tempi del COVID-…

"Credo che il cosmo abbia...

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“Non si giudica un libro ...

Prev Next
A+ A A-

Il coraggio di ricominciare

Il coraggio di ricominciare

Si diceva da settimane che il mostro era vicino, le scosse sempre alla stessa ora, poi sempre più ravvicinate, gli esperti dicevano che non c’era poi un gran pericolo, qualcuno dissentiva ma non venne ascoltato.

Alla fine è arrivato lui, il terremoto, di notte come un treno lanciato a folle velocità è entrato nelle case, nelle strade, nelle chiese, nelle piazze e L’ Aquila in un attimo è stata spazzata via.

Sì dice che dovevamo essere pronti, ma non lo siamo stati ed in molti, in troppi hanno perso gli affetti più cari.

Tra pochi giorni saranno passati dieci anni da quella tragica notte, dieci anni di dolore mai attenuato per i familiari delle vittime.

Non possiamo e non dobbiamo dimenticare, fino a quando non sarà ricostruito tutto... i ricordi ci faranno tornare indietro nel tempo per riconsegnarci virtualmente la città e i suoi Borghi nelle condizioni in cui si trovavano prima dell’arrivo del mostro .

Grazie allora alla Cisl pensionati ed al Ceos Abruzzo che a Castelvecchio Subequo il 5 aprile prossimo presenteranno una mostra fotografica con le immagini del terremoto. 

Nella mostra vengono esposti gli scatti di Francesco Olivieri, responsabile della locale sezione della CISL pensionati.

Indubbiamente un appuntamento da non perdere per non dimenticare chi non è più con noi e per dare impulso ad una ricostruzione che non è stata ancora completata.

Sergio Giangregorio 
Presidente Ceos

Torna in alto