Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Secondo messaggio nella bottiglia

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggio...

Osservazioni dal web

Osservazioni dal web

Sono due giorni che la mi...

La terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra

La terra non appartiene all’uomo, è…

“Quando avrete abbattuto ...

Klingande: “L’Album è pronto”

Klingande: “L’Album è pronto”

Un successo cresciuto “a ...

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO…

Il poco tempo e la poca d...

La contraddizione è ricchezza, è umanità: il viaggio di Nic Sarno

La contraddizione è ricchezza, è um…

Nic Sarno è senza dubbio ...

Not For Us: l’eleganza del silenzio

Not For Us: l’eleganza del silenzio

C’È QUALCOSA DI SPECIALE ...

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al ...

Nuovi tentativi di imporre "accordi regionali"

Nuovi tentativi di imporre "ac…

Verso l'ultimo anno del s...

Prev Next
A+ A A-

ERO E LEANDRO di Alma Daddario, il 16 e 17 maggio al Teatro Abarico

ERO E LEANDRO di Alma Daddario, il 16 e 17 maggio al Teatro Abarico

Andrà in scena al Teatro Abarico in Via dei Sabelli 116 - Roma il 16 e 17 Maggio alle ore 21 "Ero e Leandro: ask me no more"di Alma Daddario. Per la regia di Mariagiovanna Rosati Hansen e coreografie Umberto Bianchi con Silvia Siravo e i danzatori Carlotta Bruni & Luca Piomponi. Scene e costumi ACCADEMIASTUDIO.

Nota dell’autore:"Gli archetipi delle nostre  vite e della storia si ritrovano nel mito, che è “qualcosa che non è accaduto, ma che in realtà accade sempre”. Leggendo di Ero e Leandro, mi è venuta spontanea l’associazione con una vicenda contemporanea, quella di due giovani coinvolti in un amore contrastato, da non poter vivere alla luce del giorno. Il mito classico racconta dell’amore nato tra Ero, sacerdotessa di Afrodite a Sesto, e Leandro, un giovane di Abido città della sponda asiatica dell’Ellesponto. Essendo consacrata a una dea, Ero non poteva unirsi a un uomo ma Leandro, innamoratosi di lei, tutte le sere attraversava di nascosto a nuoto un tratto di mare per incontrarla, guidato dalla luce di una torcia che lei teneva accesa vicino alla spiaggia. Nella trasposizione contemporanea del mito, la mia Ero diventa una ballerina, segregata dai genitori e “consacrata” alla danza, come una vera e propria sacerdotessa, Leandro è un giovane musicista. Anche qui il destino, come nei miti e nei drammi greci, giocherà la sua parte. Una storia come questa  fornisce spunti di riflessione che riguardano vari aspetti sia della vita: lo scontro generazionale, la paura del diverso, la voglia di raggiungere l’immortalità attraverso l’arte".  

Note di regia:"Mettere in scena una “Poesia” è sempre una sfida che ho raccolto anche perché Umberto Bianchi mi affianca in questa fatica con la sua esperienza di coreografo. Ho immaginato un “gioco” nel quale gli interpreti, sul palco, trovano fogli sparsi con brani della poesia che racconta la loro storia. I danzatori (Carlotta Bruni e Luca Piomponi) partecipano con l’armonia del loro corpo mentre l’attrice (Silvia Siravo) accompagna con la voce raccontando questa storia struggente di Alma Daddario". Mariagiovanna Rosati Hansen

 

Info & prenotazioni:     Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.    tel: 06-98932488

 

Torna in alto