Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Secondo messaggio nella bottiglia

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggio...

Osservazioni dal web

Osservazioni dal web

Sono due giorni che la mi...

La terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra

La terra non appartiene all’uomo, è…

“Quando avrete abbattuto ...

Klingande: “L’Album è pronto”

Klingande: “L’Album è pronto”

Un successo cresciuto “a ...

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO…

Il poco tempo e la poca d...

La contraddizione è ricchezza, è umanità: il viaggio di Nic Sarno

La contraddizione è ricchezza, è um…

Nic Sarno è senza dubbio ...

Not For Us: l’eleganza del silenzio

Not For Us: l’eleganza del silenzio

C’È QUALCOSA DI SPECIALE ...

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al ...

Prev Next
A+ A A-

L'ATTIMO DI MEZZO

L'ATTIMO DI MEZZO

“L’Attimo di mezzo”, è il nuovo romanzo di Cristiana Iannotta che verrà presentato a Roma, giovedì 10 novembre alle ore 18.30 presso il Caffè libreria Mangiaparole a Via Manlio Capitolino 7/9.

Romanzo che, senza essere smentiti, si può definire molto particolare se non quasi onirico.

Dalla quarta di copertina leggiamo testualmente: “Una storia che nel ricordo del passato e nell’attesa del futuro costruisce il presente, il solo attimo che conta davvero. Un mistero che trova la sua risoluzione nell’arco di una notte e del giorno seguente, in un quartiere residenziale di una città senza nome, in un luogo geografico indefinito dove due uomini, diversi per età ma accomunati dalla ricerca dell’amore, si scontreranno con il senso della vita.”

I due uomini citati, personaggi incontrastati della storia, sono accomunati sia dalla ricerca dell’amore, seppure con obiettivi differenti vista la differenza d’età, sia da una vita resa difficile dagli eventi ma che non lesina, comunque, sempre una via d’uscita.

Un romanzo che offre degli spunti di riflessione sull’impercettibile passaggio dal passato al futuro, sul tempo e sul suo trascorrere e che arriva all’apice della curiosità soprattutto con l’entrata in scena di una donna misteriosa: “bella come una secchiata d’acqua gelata in piena estate: piacevole, ma da farlo rimanere senza respiro in un unico momento. Era bellissima. Mai donna gli era piaciuta così, all’istante.” 

Nella Prefazione del romanzo, scritta da Lauro Versari, leggiamo: “Cristiana Iannotta ha inciso, tratteggiato parole, pensato senza perdere il filo obbedendo a Paul Valéry, ha investito il suo tempo in passi, misurando stanze, finestre, tramonti, corridoi, su e giù, su e giù; passi stralunati dove nascono le idee: quelle strane, quelle giuste, quelle nostre, quelle curiose e quelle coraggiose, attuando uno slittamento del significato e dell’importanza degli eventi che temiamo; sì, il coraggio di essere curiosi ed eccitati.”

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto