Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

159 anni dalla proclamazione dell'Unità d'Italia

159 anni dalla proclamazione dell'U…

"Sono passati 159 anni da...

La crisi globale e le sue scosse

La crisi globale e le sue scosse

L’Europa sta affrontando ...

Il riequilibrio ai tempi del COVID-19

Il riequilibrio ai tempi del COVID-…

"Credo che il cosmo abbia...

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“Non si giudica un libro ...

Padiglione Italia Expo 2020 Dubai: un’occasione per il rilancio dell’economia italiana

Padiglione Italia Expo 2020 Dubai: …

Mentre l’Italia attravers...

Prev Next
A+ A A-

164° Anniversario della Polizia di Stato.

164° Anniversario della Polizia di Stato.

Arrivo in ufficio e non riconosco l'entrata... vasi di rose rosse a riempire il marciapiede.

Entro e non riconosco l'ingresso... piante enormi in corridoio.
Sì, è proprio il mio ufficio.
Oggi più istituzionalizzato che mai.
Il Presidente. Presente.
I Presidenti di Camera e Senato. Presenti.
Il Capo della Polizia. Presente.
Il Ministro dell'Interno. Presente.
La figura che più mi è piaciuta, a prescindere dalla carica istituzionale, anche se apparentemente "triste"... il Presidente. Non si è mai girato verso coloro, tutti, che scattavano foto con macchinette fotografiche e cellulari... non è un divo, lui, è il Presidente.
La Banda, gli schieramenti, il tappeto blu steso, l'unità cinofila (cani meravigliosi), la Lamborghini, le macchine, le moto, gli stendardi e le bandiere, le medaglie d'oro e gli atleti delle Fiamme Oro.
Poi, per la solita solfa della sicurezza: finestre degli uffici rigorosamente chiuse e terrazzo vuoto (dal quale ci hanno letteralmente cacciati via!).
Quello che più mi inquieta di queste manifestazioni è che gli agenti degli schieramenti e della banda, complice il sole cocente chiamato per l'occasione, cadevano giù come mosche. Barelle che andavano e venivano per raccogliere chi si era liquefatto e non aveva più le forze di rimanere ligio e diritto come un fuso.
Ecco, mi domando il perché. Scusate, lo so, sono "solo" una dipendente civile.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altro in questa categoria: « IL PARADISO ESOTERICO DI DANTE ANGHELOS »
Torna in alto