Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Se Vittorio Sgarbi diventa Presidente del MART

Se Vittorio Sgarbi diventa Presiden…

O lo si ama, o lo si odia...

DAJE MATTE’

DAJE MATTE’

Lettera aperta all’On. Sa...

Game of Thrones: 3 motivi per non farne a meno

Game of Thrones: 3 motivi per non f…

NO SPOILER! L’attesa è f...

Avicii: album postumo, ma con consenso della famiglia (e per una buona causa)

Avicii: album postumo, ma con conse…

E’ quasi passato un anno ...

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTEL CON LA VOSTRA CULTURA?

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTE…

Pagare con la cultura? Or...

INTERVISTA A MAX MATTEI

INTERVISTA A MAX MATTEI

Appassionato sin da giova...

Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo

Giornata mondiale della consapevole…

"Anche se per me è diffic...

Il coraggio di ricominciare

Il coraggio di ricominciare

Si diceva da settimane ch...

Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Prev Next
A+ A A-

Alla Torre dei Lambardi la spiritualità si fa pittura

Alla Torre dei Lambardi la spiritualità si fa pittura

Aperta fino al 20 settembre la mostra di Ferruccio Ramadori a Magione

Le scabre mura della Torre dei Lambardi, millenario edificio che svetta sull’abitato di Magione, ospitano fino al 20 settembre la mostra Acqua alchimia memoria di Ferruccio Ramadori a cura di Claudia Bottini.

Tanti gli amici critici, giornalisti, artisti intervenuti all’inaugurazione che hanno portato la loro personale visione dell’opera di Ferruccio Ramadori preceduti, nei loro interventi, dai saluti del presidente del consiglio comunale con delega alla cultura del Comune di Magione, Vanni Ruggeri.

Antonio Carlo Ponti, giornalista scrittore critico d'arte, ne ha fatto una rilettura storica inserendo l’opera di Ramadori nel grande percorso compiuto dall’arte moderna e contemporanea nel secolo scorso a partire da una data fondamentale il 1910. Anno ritenuto di svolta per gli avvenimenti che si susseguirono, nel campo artistico tra cui la firma apposta da importanti artisti italiani sul Manifesto dei pittori futuristi. Sandro Allegrini, giornalista saggista critico d'arte, ne ha sottolineato l’aspetto spirituale, la capacità sinestetica dell’arte di Ramadori di parlare contemporaneamente a tutti i sensi.

Nel suo intervento Giudo Buffoni, giornalista televisivo critico d'arte, ha compiuto una descrizione accurata delle opere in mostra, entrando nel merito dei soggetti rappresentati, delle loro interazioni, delle simbologie numeriche e dei rimandi onirici.

Eugenio Giannì, estetologo teorico dell'arte giornalista, ha raccontato, in un suo scritto, la realizzazione di un’opera di Ramadori descrivendone l’affascinante nascita consentendo al pubblico di entrare nell’atto creativo dell’artista raccontandone le emozioni provate: «un formicolio di colori invade il mio occhio, un suono astrale, un’armonia di strumenti riempie gli interstizi del mio cervello, scuotono il mio essere, mi imprigionano come un’accattivante suono di Sirene».

Letture condivise dalla curatrice, Claudia Bottini, che ha evidenziato in questa esposizione, come citato nel titolo della mostra, la forte presenza di elementi evocativi dell’acqua a cui rimanda anche una delle opere in mostra Fiume in piena, grande astratto del 2015, collegando l’artista al movimento futurista quando, come questi, «evidenzia la carica misteriosa della luce e dà vita ad immagini e paesaggi fantastici in tutte le sue opere».

La mostra, inaugurata nell’ambito della XXXVI Settimana Magionese in programma dall’8 al 16 agosto a Magione, è realizzata con il patrocinio di Regione Umbria, Provincia di Perugia, Comune di Magione e Accademia delle Belle Arti di Perugia in collaborazione con proloco Magione proloco San Savino e Sistema Museo.

Torna in alto