Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Ricostruiamo Beirut

Ricostruiamo Beirut

Concerto per Beirut per l...

La Turchia di Erdogan al limite dell’implosione

La Turchia di Erdogan al limite del…

Da mesi la Turchia sta vi...

Pescara del Tronto a quattro anni dal sisma

Pescara del Tronto a quattro anni d…

Sono da poco passate le 2...

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 agosto 2020

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 …

Vogliamo ricordare i nost...

Venezia vista da Belluno: esposte a Palazzo Fulcis le opere dei maggiori incisori bellunesi del Settecento

Venezia vista da Belluno: esposte a…

È stata inaugurata, a Pal...

Gli angeli non tremano

Gli angeli non tremano

Non dimenticheremo mai i ...

Buon compleanno Tommaso

Buon compleanno Tommaso

Tommaso ama ogni angolo d...

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico…

La politica globale sta c...

Iatrocrazia - La dittatura del Corona Virus

Iatrocrazia - La dittatura del Coro…

Il termine, in realtà, no...

Perché Chiara Ferragni è (sempre) una buona idea

Perché Chiara Ferragni è (sempre) u…

Quando ci sono di mezzo g...

Prev Next
A+ A A-

MEDEA

Barbara De Rossi Barbara De Rossi

MERCOLEDI’ 8 LUGLIO 2015

 

AREA ARCHEOLOGICA, PARCO DI MALBORGHETTO (Roma)

Via Flaminia km 19,4 in direzione Terni, altezza stazione RomaNord/Sacrofano

 

 

Teatro Garage

MEDEA

di  Jean Anouilh

Traduzione di Giulio Cesare Castello

con Barbara De Rossi

Tatiana Winteler, Carlo Caprioli, Lorenzo Costa,Fabio Fiori

regia Francesco Branchetti

musiche  Pino Cangialosi

scene e costumi  Clara Surro

 

 

Nell’ambito della XVI edizione della rassegna Teatri di Pietra Lazio, ideata da Circuito Danza Lazio e Pentagono Produzioni per la valorizzazione dei teatri antichi e dei siti monumentali attraverso lo spettacolo dal vivo, l’8 Luglio 2015, presso la suggestiva Area Archeologica di Malborghetto, andrà in scena in anteprima nazionale Medea del drammaturgo francese Jean Anouilh, con la traduzione di Giulio Cesare Castello e la regia di Francesco Branchetti

Barbara De Rossi torna sul palcoscenico in uno dei ruoli più interessanti e controversi della mitologia greca.

Nella versione di Jean Anouilh, il personaggio di Medea è attualizzato nella passione totalizzante, vissuta con drammatica estremizzazione da una donna che rappresenta il controverso rapporto tra un femminile e un maschile prevaricante, sia in campo affettivo che sociale. Giasone oltre a essere l’uomo amato rappresenta un contesto culturale e sociale, che tiene in poca considerazione il sentimento, e anche nei rapporti personali scende a patti con il potere. Medea di contro è “l’altro da se”, la purezza e la schiettezza dei sentimenti che non scende a compromessi, in bilico tra la difficoltà e la consapevolezza di una solitudine, vissuta da “ospite e straniera”. Il gesto estremo di Medea nel dramma qui rappresentato è simbolico. Pur nella sua crudeltà, il gesto estremo di Medea è un atto di denuncia per la sofferenza estrema data dall’emarginazione.

Note di regia

   

“Mettere  in scena oggi Medea di Jean Anouilh significa non solo rendere omaggio ad uno dei più grandi  autori del teatro francese del Novecento, ma anche e soprattutto riscoprire un testo straordinario da ogni punto di vista, un testo in cui regna un personaggio come quello di Medea dalla enorme forza tragica, nella sua solitudine straziante, nella sua sensualità dolorosa, nella sua disperazione, nel suo essere travolta da un sentimento incontrollabile e nella sua rivolta alle regole. La Medea di Anouilh ha una struttura drammaturgica molto forte e caratteristiche specifiche ed originali che la rendono unica ed è stato questo ad affascinarmi.  In pochi testi come in questo ho trovato la perfezione della drammaturgia unirsi alla costruzione di personaggi teatrali dalla potenza tragica strepitosa e ad un’indagine psicologica straordinaria, la regia e lo spettacolo tenteranno di restituire al testo questa forza e questa grandissima capacità di indagare l’animo umano e le sue complessità”.

 

                                                                      

Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo

Soprintendenza Speciale per il Colosseo, il Museo Nazionale Romano e l’Area Archeologica di Roma

Regione Lazio – Assessorato alla Cultura

Comune di Roma – XV Municipio

 

Ideazione e Realizzazione

Circuito Danza Lazio e Pentagono Produzioni Associate

nell’ambito della Rete Teatrale dei Teatri di Pietra

 

 

XVI EDIZIONE TEATRI DI PIETRA LAZIO

 

Dal 4 LUGLIO AL 2 AGOSTO 2015

 

TEATRI DI PIETRA LAZIO

 

 

Area Archeologica, Arco di Malborghetto

Via Flaminia km 19,4 in direzione Terni, altezza stazione RomaNord/Sacrofano

 

Anfiteatro di Sutri

Via Cassia direzione Viterbo, Comune di Sutri

 

 

Inizio spettacoli: h 21,15

Biglietto: 12 euro intero – 10 euro ridotto

Biglietteria presso il sito/online

Per info e prenotazioni:

teatridipietra.blogspot.it/ fb teatridipietra/

tel. whatsapp 327 9473893

 

UFFICIO STAMPA TEATRI DI PIETRA LAZIO

Alma Daddario & Nicoletta Chiorri

347 2101290 – 338 4030991

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

www.eventsandevents.it

Torna in alto