Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Perché fare affari non sarà più lo stesso dopo Covid-19

Perché fare affari non sarà più lo …

Per i manager, questa con...

Di chi è il piede che spunta nelle dirette di Giuseppe Conte?

Di chi è il piede che spunta nelle …

In questi giorni, più che...

Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

159 anni dalla proclamazione dell'Unità d'Italia

159 anni dalla proclamazione dell'U…

"Sono passati 159 anni da...

La crisi globale e le sue scosse

La crisi globale e le sue scosse

L’Europa sta affrontando ...

Prev Next
A+ A A-

LA QUIETE DOPO LA TEMPESTA. ASPETTANDO LA FESTA DELLA POLIZIA

LA QUIETE DOPO LA TEMPESTA. ASPETTANDO LA FESTA DELLA POLIZIA

E oggi Festa della Polizia…. da giorni fervono i preparativi: l’allestimento del palco e delle bandiere.

Le sfilate e le prove musicali all’interno dell’ex Caserma di Polizia “Ferdinando di Savoia”.

Siamo stati trasferiti negli uffici del Complesso nel 2011, abbiamo condiviso all’esterno i marciapiedi stracolmi di macchine e motorini e le aiuole grondanti sporcizia; all’interno respirato l’aria dei cantieri sempre aperti, con i lavori perenni nel cortile, con la polvere ovunque… e in meno di un mese, adesso, hanno tolto la possibilità di parcheggio e ripulito, seppur grossolanamente le aiuole; hanno rifatto il cortile, lo hanno pavimentato, hanno messo le maniglie nuove alle porte e MIRACOLO hanno anche pulito le vetrate che danno sul cortile.

Faccio presente che quasi non ci sono pareti nell’ingresso, è tutto a vetri.

Dal 2011 la polvere accumulata sui vetri rendeva opaco qualsiasi sguardo, nemmeno avessimo tutti la cataratta e oggi, la luce!

Potremo anche guardare lo spettacolo da dietro le finestre dei nostri uffici che, però, dovranno rimanere tassativamente chiuse.

Non si potranno aprire.

Che ci siano 40 gradi, aria viziata o altro non sarà importante … noi non potremo affacciarci! Non sta bene, non fa glamour, non è di classe e poi … potrebbe essere pericoloso per qualche “attentato”.

Entriamo tutti con il tesserino elettronico. Magari ci faranno passare anche sotto il metal detector. Che emozione!

Ma poi … se ci fosse il minimo rischio di “attentati” perché far andare al lavoro i dipendenti? Non era meglio fare la festa, se proprio non se ne poteva fare a meno, presso la Scuola di Polizia?

Tutti appiccicati ai vetri, puliti, per sbirciare la parata e le macchine.

Sappiate che domani la polvere che hanno celermente tolto sarà ributtata sui vetri.

Che non si dica che esistono sprechi: qua, non si spreca nulla! 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto