Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Secondo messaggio nella bottiglia

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggio...

Osservazioni dal web

Osservazioni dal web

Sono due giorni che la mi...

La terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra

La terra non appartiene all’uomo, è…

“Quando avrete abbattuto ...

Klingande: “L’Album è pronto”

Klingande: “L’Album è pronto”

Un successo cresciuto “a ...

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO…

Il poco tempo e la poca d...

La contraddizione è ricchezza, è umanità: il viaggio di Nic Sarno

La contraddizione è ricchezza, è um…

Nic Sarno è senza dubbio ...

Not For Us: l’eleganza del silenzio

Not For Us: l’eleganza del silenzio

C’È QUALCOSA DI SPECIALE ...

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al ...

Prev Next
A+ A A-

KENNY WAYNE SHEPERD, QUANDO LA MUSICA E’ ENERGIA

KENNY WAYNE SHEPERD, QUANDO LA MUSICA E’ ENERGIA

Kenny Wayne Sheperd, al Planet Live Club di Roma, fa viaggiare il blues sottopelle, come la forza di un fiume che scorre sinuoso e possente.

Un concerto di tecnica e genialità, sensibilità umana ed energia primordiale.

La performance di Sheperd è andata oltre la musica, nonostante la sua giovane età, il bluesman è stato un gigante sul palco.

Il suono come esperienza di vita da raccontare, nel blues bisogna mettere l’anima e Sheperd, generosamente, al Planet ha dato tutto.

La sovrapposizione tra la voce abrasiva ed il ruvido blues della chitarra e della band, si è rivelata vincente, 2 ore di musica vitale con uno straordinario finale dedicato a Jimi Hendrix, di cui Sheperd è destinato ad essere l’erede.

Il pubblico in estasi canta con lui, e si commuove.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto