Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Uccisa la giornalista investigativa Daphne Caruana Galizia

Uccisa la giornalista investigativa…

MALTA - Si chiamava Daphn...

ITALIANITA'

ITALIANITA'

Dobbiamo una immensa grat...

Innovazione? La risposta è Telegram - intervista a Rachele Zinzocchi

Innovazione? La risposta è Telegram…

Chi è Rachele Zinzocchi? ...

LA DANZA DELLA MEDITAZIONE E LO  YOGA DEL MOVIMENTO

LA DANZA DELLA MEDITAZIONE E LO YO…

La via tibetana alla salu...

Ricevuta e pubblicata:Lettera al Ministro dell'Interno

Ricevuta e pubblicata:Lettera al Mi…

 Gentile Ministro, molti...

Premio miglior tesi di laurea "la violenza sulle donne"

Premio miglior tesi di laurea …

ASSEGNAZIONE DEL PREMIO M...

Pescara del Tronto non si ricostruisce con le parole

Pescara del Tronto non si ricostrui…

“Le persone che hanno per...

PERFIDA ALBIONE, MA LA REGINA ESAUDIRA’ UNA CERTA PETIZIONE?

PERFIDA ALBIONE, MA LA REGINA ESAUD…

              Perfida Alb...

LEGGE ELETTORALE: OVVERO L’EMENDAMENTO IMPOSSIBILE

LEGGE ELETTORALE: OVVERO L’EMENDAME…

     Dalla caduta del mur...

EPHEBIA FESTIVAL 2017

EPHEBIA FESTIVAL 2017

L’Associazione di promozi...

Prev Next
A+ A A-

MAD ZONE: PASSIONE, STILE E INNOVAZIONE

EEC PRESS LONDON EEC PRESS LONDON

Quello che si tende a perdere nella nostra città è la dimensione utopistica della vita.

Spesso si dicono cose che non sembrano realizzabili, ma molte cose che sembravano impossibili sono poi diventate realtà, la chiave del futuro è il bello, se si perde questa visione tutti noi avremo poco futuro e smetteremmo di sognare. Oggi non voglio fare letteratura facile sull’estetica del quotidiano, ma farvi viaggiare, almeno con la fantasia per chi ancora non conosce MAD ZONE o con il ricordo per chi ha avuto la fortuna di scoprire già il concept store.

MAD ZONE si trova in via Palermo, in pieno centro, con la sana presunzione di poter dare un’anomala e positiva impronta di discontinuità al comune standard nel fare gli acquisti di abbigliamento e non solo. Il cuore di Roma, il rione Monti come New York, anzi oltre l’America, un territorio a se, un tappeto aperto sulle suggestioni che solo un cambiamento culturale continuo può dare.

Ecco questo è MAD ZONE, non solo un negozio, non solo un factory incastonato nella storica architettura del più noto quartiere della capitale, ma un’idea visionaria e diversa per mescolare arte, musica, filosofia, abiti, scarpe, accessori. La location di MAD ZONE, per la sua collocazione spaziale e per le particolari caratteristiche di arredo, rappresenta l’evoluzione del negozio di abbigliamento nel nostro paese. Ambienti di prestigio in un’ampia superficie espositiva, unicità dei prodotti, esposizione molto scenografica della merce, atmosfera unica e suggestiva sono solo alcune delle caratteristiche che distinguono questo “teatro della moda”.

Diciamoci la verità MAD ZONE è gestito da stato aperto da Tania e Anna, non per un esclusivo bisogno economico, ma per contaminare con l’arte l’immagine che ognuno di noi ha di una boutique fashion, facendo diventare lo shopping un’esperienza eccitante attraverso lo spettacolo e l’intrattenimento portando il concetto di moda su di un altro e più estremo territorio. Tania e Anna si sono spinte, quindi, ad esplorare una nuova frontiera trasformando il loro punto vendita in uno spazio prima culturale e poi commerciale accompagnando i clienti/spettatori in una dimensione irripetibile.

Mercoledì 1 ottobre mi sono recato nel negozio per assistere ad una performance artistica sapientemente organizzata “Vanity Fashion Night” ed ho avuto la sensazione di entrare in un luogo ambito al pari di un monumento o di un museo, la mia serata si è trasformata in un agito unico, un’evento da ricordare e da evocare e mi sono detto …… io ci sono stato.

 

© Riproduzione Riservata

Torna in alto