Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
STRATEGIA, Turchia. Le alleanze e la politica estera aggressiva di Ankara

STRATEGIA, Turchia. Le alleanze e l…

Sempre più spesso gli S...

Ricostruiamo Beirut

Ricostruiamo Beirut

Concerto per Beirut per l...

La Turchia di Erdogan al limite dell’implosione

La Turchia di Erdogan al limite del…

Da mesi la Turchia sta vi...

Pescara del Tronto a quattro anni dal sisma

Pescara del Tronto a quattro anni d…

Sono da poco passate le 2...

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 agosto 2020

Pescara del Tronto 24/08/2016 - 24 …

Vogliamo ricordare i nost...

Venezia vista da Belluno: esposte a Palazzo Fulcis le opere dei maggiori incisori bellunesi del Settecento

Venezia vista da Belluno: esposte a…

È stata inaugurata, a Pal...

Gli angeli non tremano

Gli angeli non tremano

Non dimenticheremo mai i ...

Buon compleanno Tommaso

Buon compleanno Tommaso

Tommaso ama ogni angolo d...

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico…

La politica globale sta c...

Iatrocrazia - La dittatura del Corona Virus

Iatrocrazia - La dittatura del Coro…

Il termine, in realtà, no...

Prev Next
A+ A A-

JOHNNY WINTER: “I play for my people”

JOHNNY WINTER: “I play for my people”

Voce roca, penetrante, cappello nero e lunghi capelli bianchi Johnny Winter prende posto sul palco del Cross Road Live Club tra gli applausi della sua gente, giovanissimi e non solo, tutti qui per lui, la leggenda del blues.

La Band che lo accompagna è composta da musicisti talentuosi che, con energia, passione e vitalità hanno scaldato il pubblico, preparandolo alla convincente performance di Johnny.

Winter, ci ha sorpreso con le sue acrobazie sonore ed il suo essere artista consumato, come solo musicisti del suo livello sanno essere, abituati alle corde della chitarra come supporto alla parola.

L’interpretazione dei pezzi è stata prodigiosa, rendendo anche la canzona meno nota ai più, come un “song” conosciuto da sempre, la musica diventa un percorso di avventure in un vissuto sempre più sintonizzato con il cuore ed è allora che gli spettatori, ad occhi chiusi, saltellando e mimando il suono della chitarra si sovrappongono alla band.

Il Cross Road si trasforma in un istante nell’isola della musica, l’isola di tutti e di ognuno dove andare avanti nel tempo, per poi tornare immediatamente indietro facendo ricordare a qualcuno gli anni vissuti tra i miti del blues e del rock e ad altri, che non è mai troppo tardi per vivere queste emozioni.

Il Club Live si trova in Via Braccianense al numero 77, non troppo lontano dal centro di Roma, propone una palinsesto artistico straordinario, con la sana presunzione di poter dare un’impronta di discontinuità al comune standard di offerta musicale, un territorio a sè, un tappeto aperto sulle suggestioni che solo la cultura del live può dare.

Con l’esibizione di Johnny Winter al Cross Road ho avuto la sensazione di entrare in un luogo ambito, al pari di un monumento o di un museo, la mia serata si è trasformata in un momento unico, un evento da ricordare e mi dico…… io ci sono stato.

Un concerto necessario, un 19 maggio da non dimenticare.

 

(foto EEC PRESS)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Altro in questa categoria: « FESTA DELLA POLIZIA 2014 ANIMA ANIMALE »
Torna in alto