Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La lotteria Impresa Sicura

La lotteria Impresa Sicura

Il Decreto Legge Cura Ita...

L’Italia cede il passo alla Turchia

L’Italia cede il passo alla Turchia

Perché la vicenda di Silv...

Emirates diventa la prima compagnia aerea a condurre test rapidi Covid-19

Emirates diventa la prima compagnia…

Nel mondo gravemente prov...

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Muore a 70 anni lo scritt...

In Turchia il Coronavirus fa paura: dichiarato stato di coprifuoco per 48 ore

In Turchia il Coronavirus fa paura:…

In Turchia per due gior...

La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Perché fare affari non sarà più lo stesso dopo Covid-19

Perché fare affari non sarà più lo …

Per i manager, questa con...

Di chi è il piede che spunta nelle dirette di Giuseppe Conte?

Di chi è il piede che spunta nelle …

In questi giorni, più che...

Prev Next
A+ A A-

Cyber Warfare Conference a Roma

CWC Sessione pomeridiana - Foto EEC PRESS Riproduzione Riservata CWC Sessione pomeridiana - Foto EEC PRESS Riproduzione Riservata

Si è tenuta lo scorso 19 giugno, la conferenza “Protezione Cibernetica delle Infrastrutture Nazionali” presso l'AULA MAGNA Sapienza Università di Roma (Piazzale Aldo Moro 5). L’evento, promosso dal Centro di Studi Strategici, Internazionali e Imprenditoriali (CSSII) dell’Università di Firenze, dall’Istituto per gli Studi di Previsione e le Ricerche Internazionali (ISPRI) e dal Centro di Ricerca di Cyber Intelligence and Information Security (CIS) della “Sapienza” Università di Roma, è ideato d’intesa con Maglan Group - leader internazionale in auditing & consulting nel campo dell’Information Defense. L’edizione 2012 ha ricevuto la medaglia del Presidente della Repubblica ed il patrocinio del Senato della Repubblica, della Camera dei Deputati, della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero della Difesa e del Ministero dello Sviluppo Economico.

La Cyber Warfare Conference (CWC), già Information Warfare Conference (IWC), si pone l’obiettivo di accrescere la consapevolezza tra i decisori politici e aziendali italiani della crescente rilevanza strategica della cyber-warfare per la sicurezza nazionale. Il progressivo aumento della frequenza di attacchi informatici sempre più sofisticati e dirompenti rende prioritaria l’introduzione di innovazioni politico-strategiche, organizzative, tecnologiche e culturali che possano garantire, oltre alla sicurezza delle infrastrutture critiche nazionali, anche la protezione delle aziende che operano in settori determinanti per lo sviluppo dell’economia italiana.

La conferenza ha visto la partecipazione delle istituzioni nazionali civili, militari e della sicurezza, le imprese, le università e i centri di ricerca. All'evento erano presenti anche alcuni esperti dell'Istituto di ricerca sui rischi geopolitici Triage duepuntozero. Durante la mattinata, in concomitanza con l'evento si sono verificate delle proteste ad opera di alcuni studenti dell'università che manifestavano contro questo genere di eventi che - secondo loro - nasconderebbero finalità diverse da quelle indicate. I giovani facinorosi oltre al lancio di uova e altri oggetti, hanno puntualmente insultato tutti coloro che transitavano nel perimetro dell'evento, bastava avessero indosso giacca e cravatta. Tra gli attaccati, anche diversi giornalisti ed altri esperti. Singolare la testimonianza di un inviato della EEC PRESS che racconta di essere uscito per fumare una sigaretta e di essersi trovato circondato da un gruppetto di soggetti che gli urlavano frasi del tipo "ma lei non si vergogna?". Quale vergogna dovrebbe avere un giornalista che svolge semplicemente il proprio lavoro? Rivendicazione di quanto accaduto è rintracciabile sul web in particolare sul sito di Palestina Rossa e su altri blog in rete. Uno degli organizzatori delle proteste ha addirittura fatto un paio di interventi su Radio Onda Rossa trasmesso in fm e sul web. L'intervento della Polizia di Stato ha consentito comunque lo svolgimento regolare dell'evento che è andato avanti secondo il programma. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto