Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Secondo messaggio nella bottiglia

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggio...

Osservazioni dal web

Osservazioni dal web

Sono due giorni che la mi...

La terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra

La terra non appartiene all’uomo, è…

“Quando avrete abbattuto ...

Klingande: “L’Album è pronto”

Klingande: “L’Album è pronto”

Un successo cresciuto “a ...

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO…

Il poco tempo e la poca d...

La contraddizione è ricchezza, è umanità: il viaggio di Nic Sarno

La contraddizione è ricchezza, è um…

Nic Sarno è senza dubbio ...

Not For Us: l’eleganza del silenzio

Not For Us: l’eleganza del silenzio

C’È QUALCOSA DI SPECIALE ...

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al ...

Prev Next
A+ A A-

UN 8 MARZO DI RIFLESSIONE. LA CONDIZIONE DELLA DONNA NEL MONDO ISLAMICO

UN 8 MARZO DI RIFLESSIONE. LA CONDIZIONE DELLA DONNA NEL MONDO ISLAMICO


Nella splendida cornice del Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari diretto dalla D.ssa Maura Picciau, la giornalista Marisa Paolucci ha scelto di presentare la sua ultima fatica letteraria, “Tre donne e una sfida”, curatrice dell’evento la D.ssa Luigia Ricci Rozzi.

Il libro descrive le storie di tre donne islamiche, di generazioni, paesi e continenti diversi, unite nel comune percorso verso l’eguaglianza sociale e l’emancipazione della donna in contesti profondamente patriarcali ed illiberali.

Shirin Ebadi iraniana, avvocato premio nobel per la pace nel 2003, Fatima Alimed Ibrahim, sudanese, prima donna eletta in un parlamento africano, Malalai Joya, afgana, è stata parlamentare nel suo paese, si raccontano attraverso la penna, la sensibilità e le intuizioni dell’autrice indicando la strada del dialogo e della giusta interpretazione del Corano come l’unica possibile da percorrere per raggiungere la parità dei diritti tra uomo e donna nel mondo islamico.

Speaker dell’incontro la D.ssa Luciana Mariotti Etnoantropologa dell’Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia che ha moderato gli interventi della Professoressa Emerita della Sapienza Biancamaria Scarcia Amoretti, della Principessa dell’Afghanistan Soraya Malek e del Presidente del Ceos, Prof. Sergio Giangregorio.

L’islamista Scarcia Amoretti ha proposto con passione una visione della società islamica moderata e democratica, stigmatizzando gli stereotipi negativi che spesso i media utilizzano sull’argomento.

La Principessa Malek ha raccontato il passato di libertà del suo paese attraverso la proiezione di rare immagini della famiglia reale afgana.

Il Presidente del Ceos, Prof. Giangregorio ha, invece, discusso in senso più critico sulla condizione femminile nel mondo islamico, ribadendo che la donna viene considerata una minaccia al potere patriarcale dell’uomo e quindi emarginata ed ostacolata nella vita politica e sociale.

Infine l’autrice di “Tre donne e una sfida” ha descritto le tappe del suo lavoro letterario citato il particolare rapporto personale che la stessa ha avuto con le protagoniste del libro.

A margine dell’evento la EEC-Press di Londra ha intervistato il Prof. Giangregorio che ha dichiarato: “Spesso il mondo accademico crede di risolvere i problemi dell’Islam, solo spiegando che il Corano non è stato ben interpretato dall’Occidente, ma l’attuale interpretazione coranica delle politiche gestionali dello Stato in molti paesi dell’area è illiberale e sessista, se non lo si ammette il cambiamento sarà ancora molto lontano e la donna rimarrà discriminata”.

L’agenzia inglese ha anche raccolto le dichiarazioni dell’analista di intelligence dell'Istituto di rischi geopolitici TRIAGEDUEPUNTOZERO, Dott. Domenico Pavone che ha ribadito la mancanza di democrazia nei paesi islamici che utilizzano la religione come codice politico impedendo la pluralità confessionale all’interno dello Stato.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto