Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

Prev Next
A+ A A-

TRE DONNE UNA SFIDA

 

 

  

Sudan, Iran e Afghanistan tre grandi Paesi le cui storie si intrecciano con la vita di tre donne: Fatima Ahmed Ibraim, prima donna parlamentare di tutto il continente africano, Shirin Ebadi premio Nobel per la pace e Malalai Joya la più giovane donna eletta nel Parlamento afghano. Tre donne di tre generazioni diverse, inconsapevolmente insieme cercano con coraggio e determinazione di sfidare il loro destino di musulmane del nuovo millennio. Disarmate, nel totale rispetto della religione, con assoluta dedizione evidenziano le profonde ingiustizie e le umiliazioni subite dalle donne a causa di radicati pregiudizi locali. Rischiano quotidianamente la loro vita per affermare un’interpretazione al femminile dell’Islam, dove i diritti umani e i diritti delle donne possono convivere.

 

 

ISTITUTO CENTRALE PER LA DEMOETNOANTROPOLOGIA

Piazza Marconi, 8/10 - 00144 Roma - Tel. 06 5926148 - 06 5910709 - Fax 06 5911848

http://www.idea.mat.beniculturali.it e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari

8 marzo 2013

Ore 17,30 Sala delle Conferenze

 

 Interverrano

l’autrice Marisa Paolucci

Prof. Emerito Università Sapienza Biancamaria Scarcia Amoretti

S.A.R. Soraya Malek Principessa di Afghanistan

Prof. Sergio Giangregorio Presidente CEOS

                                                                                     

Moderatore

Dott.ssa Luciana Mariotti Etnoantropologa Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia

 

Con la collaborazione dell’Associazione Culturale TEMPODIEVENTI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna in alto