Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
L'inevitabilità storica ha bisogno di nuove prospettive

L'inevitabilità storica ha bisogno …

Negli ultimi anni, si è v...

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le implicazioni giordane delle sfid…

Le sfide in Medio Oriente...

La lotteria Impresa Sicura

La lotteria Impresa Sicura

Il Decreto Legge Cura Ita...

L’Italia cede il passo alla Turchia

L’Italia cede il passo alla Turchia

Perché la vicenda di Silv...

Emirates diventa la prima compagnia aerea a condurre test rapidi Covid-19

Emirates diventa la prima compagnia…

Nel mondo gravemente prov...

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Muore a 70 anni lo scritt...

In Turchia il Coronavirus fa paura: dichiarato stato di coprifuoco per 48 ore

In Turchia il Coronavirus fa paura:…

In Turchia per due gior...

La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Prev Next
A+ A A-

TRE DONNE UNA SFIDA

 

 

  

Sudan, Iran e Afghanistan tre grandi Paesi le cui storie si intrecciano con la vita di tre donne: Fatima Ahmed Ibraim, prima donna parlamentare di tutto il continente africano, Shirin Ebadi premio Nobel per la pace e Malalai Joya la più giovane donna eletta nel Parlamento afghano. Tre donne di tre generazioni diverse, inconsapevolmente insieme cercano con coraggio e determinazione di sfidare il loro destino di musulmane del nuovo millennio. Disarmate, nel totale rispetto della religione, con assoluta dedizione evidenziano le profonde ingiustizie e le umiliazioni subite dalle donne a causa di radicati pregiudizi locali. Rischiano quotidianamente la loro vita per affermare un’interpretazione al femminile dell’Islam, dove i diritti umani e i diritti delle donne possono convivere.

 

 

ISTITUTO CENTRALE PER LA DEMOETNOANTROPOLOGIA

Piazza Marconi, 8/10 - 00144 Roma - Tel. 06 5926148 - 06 5910709 - Fax 06 5911848

http://www.idea.mat.beniculturali.it e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Museo Nazionale delle Arti e Tradizioni Popolari

8 marzo 2013

Ore 17,30 Sala delle Conferenze

 

 Interverrano

l’autrice Marisa Paolucci

Prof. Emerito Università Sapienza Biancamaria Scarcia Amoretti

S.A.R. Soraya Malek Principessa di Afghanistan

Prof. Sergio Giangregorio Presidente CEOS

                                                                                     

Moderatore

Dott.ssa Luciana Mariotti Etnoantropologa Istituto Centrale per la Demoetnoantropologia

 

Con la collaborazione dell’Associazione Culturale TEMPODIEVENTI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Torna in alto