Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Secondo messaggio nella bottiglia

Secondo messaggio nella bottiglia

Sono sicura che la maggio...

Osservazioni dal web

Osservazioni dal web

Sono due giorni che la mi...

La terra non appartiene all’uomo, è l’uomo che appartiene alla terra

La terra non appartiene all’uomo, è…

“Quando avrete abbattuto ...

Klingande: “L’Album è pronto”

Klingande: “L’Album è pronto”

Un successo cresciuto “a ...

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO E MEZZO)

QUANTO SEI BELLA ROMA (IN UN GIORNO…

Il poco tempo e la poca d...

La contraddizione è ricchezza, è umanità: il viaggio di Nic Sarno

La contraddizione è ricchezza, è um…

Nic Sarno è senza dubbio ...

Not For Us: l’eleganza del silenzio

Not For Us: l’eleganza del silenzio

C’È QUALCOSA DI SPECIALE ...

Ricordi

Ricordi

Quando ero ragazzina, al ...

Nuovi tentativi di imporre "accordi regionali"

Nuovi tentativi di imporre "ac…

Verso l'ultimo anno del s...

Prev Next
A+ A A-

Convegno Internazionale di Studi a Narni

Locandina convegno Primavera ArabaGiovedì 17 e venerdì 18 maggio 2012,

presso il Corso di Laurea in Scienze per l’Investigazione e la Sicurezza della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università degli Studi di Perugia, a Narni, si terrà il convegno internazionale di Studi La “Primavera” araba. Crisi politico-economica, strategica e socioculturale. Da più di un anno e mezzo, dalle prime rivolte in Tunisia e in Egitto agli attuali feroci scontri in Siria, il mondo islamico sta vivendo una fase politica cruciale, caratterizzata da una maggiore richiesta di democrazia da parte delle popolazioni in rivolta, da una riconfigurazione degli equilibri geopolitici, ma anche da una crisi della governance di alcuni fondamentali settori della produzione energetica, in primis del petrolio. Le rivolte arabe presentano inoltre grandi elementi di novità sul piano culturale e comunicativo per l’uso costante delle nuove tecnologie finalizzato tanto alla mobilitazione popolare quanto alla informazione verso l’esterno.

Questi profondi stravolgimenti nei paesi dell’area nordafricana e mediorientale offrono importanti spunti di riflessione  di carattere sociologico e politologico circa il tema della sicurezza politica e sociale; e sono di grande interesse per l’Italia date le significative ripercussioni sulla politica e l’economia del nostro paese, alle quali si aggiungono gli effetti di ordine migratorio da quei paesi verso il nostro.

Il convegno  organizzato dal Centro Studi in Sicurezza Umana della Facoltà di Scienze della Formazione, diretto dalla prof.ssa Maria Caterina Federici, oltre ai ricercatori che vi collaborano,  vedrà la partecipazione di numerose autorità  del mondo accademico italiano e straniero, della diplomazia internazionale e del mondo giornalistico come Franco Siddi, Segretario Nazionale FNSI, Khaled Fouad Allam dell’Università di Trieste, Ali Aït Abdelmalek dell’Université de Rennes 2, l’ex presidente del Libano Amin Gemayel,  l’ex direttore dell’Ansa Giampiero Gramaglia, Giovanna Loccatelli giornalista de Il Fatto Quotidiano. Partners dell’evento anche l’AISIS Associazione Italiana in Scienze per l’Investigazione e la Sicurezza ed il CEOS Centro Europeo Orientamento e Studi con l’intervento del Prof. Sergio Giangregorio del Ministero dell’Interno. Per l’occasione, verrà altresì ufficializzato un rapporto di convenzione tra il CRISU e il CESTUDIS, alla presenza del presidente del CESTUDIS, il senatore Luigi Ramponi.

All’apertura dell’evento, in via del tutto eccezionale, sarà presente il presidente del CRUI Marco Mancini. Introdurrà il Rettore dell’Università degli Studi di Perugia Francesco Bistoni.

Torna in alto