Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi Uniti e il primato universitario

Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi…

Poco più di 2,5 milioni d...

Dino Buzzati, l’illustratore della parola

Dino Buzzati, l’illustratore della …

Da poco più di una settim...

Perché è così importante che la “Pala dei Decemviri” di Perugino torni a Perugia?

Perché è così importante che la “Pa…

Dopo la “Madonna col Bamb...

Giorgio Bassani e il suo impegno per l’Italia

Giorgio Bassani e il suo impegno pe…

Riflessioni e argomentazi...

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è inizi...

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità: un fattore cruciale per le vacanze dei millennial

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità…

Dubai è stata tra le cinq...

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTURALE DEL GOLFO

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTUR…

Fervono i preparativi per...

“Un Amore” di Dino Buzzati

“Un Amore” di Dino Buzzati

Ideato nel 1959, ma pubbl...

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferr…

Google oggi, 3 ottobre, f...

“Un buon posto dove stare” di Francesca Manfredi

“Un buon posto dove stare” di Franc…

Libro d’esordio di France...

Prev Next
A+ A A-

«CONTRASTARE LA CLANDESTINITÀ È UN DOVERE DI CIVILTÀ»

polo tuscolanoLo ha evidenziato il Ministro dell’Interno

alla cerimonia di inaugurazione del Centro nazionale di coordinamento per l'immigrazione dedicato alla memoria dell'agente ausiliario della Polizia di Stato Roberto Iavarone. Presente il capo della Polizia Manganelli.

«Contrastare il fenomeno dell'immigrazione clandestina è un dovere di civiltà: da un lato si tratta di combattere i mercanti di vite umane, gente che contrabbanda la speranza arricchendosi in modo ignobile; dall'altro di garantire la vita delle persone». Lo ha affermato il ministro dell'Interno Annamaria Cancellieri, partecipando ieri 15 febbraio a Roma alla cerimonia d’inaugurazione, presso la sala Palatucci del Polo Tuscolano, del Centro nazionale di coordinamento per l'immigrazione, dedicato alla memoria dell'agente ausiliario della Polizia di Stato, medaglia d'oro al valor civile, Roberto Iavarone, deceduto il 18 settembre 1984 nel corso di un'operazione presso lo scalo aereo di Fiumicino.
«L'Italia, con questo centro, è il primo Paese che affronta il grandioso problema dell'immigrazione. Averlo qui vuol dire essere efficaci nel contrasto all'immigrazione clandestina». Questo il commento della titolare del Viminale che ha sottolineato il ruolo «significativo» della nuova struttura, in particolare nei rapporti di cooperazione tra le varie forze impegnate nel contrasto al fenomeno.

«La questione dell'immigrazione - ha spiegato il ministro - rappresenta sicuramente una grande sfida per il nostro Paese anche perché la collocazione geografica al centro del Mediterraneo ci pone in una situazione molto delicata. Questo Centro - ha aggiunto - fortemente voluto dall'Europa, consentendoci di lavorare in rete, ci permetterà una visione più completa del fenomeno dell'immigrazione clandestina e sicuramente garantirà una significativa capacità di risposta».

Parole di apprezzamento sono state rivolte, nell’occasione, dal ministro Cancellieri al capo della Polizia Antonio Manganelli, presente alla cerimonia, al quale ha espresso tutta la propria «gratitudine per l'intelligente lavoro e la grande passione che mette nella sua attività», rinnovando così la personale fiducia nei suoi confronti.
La cerimonia ha rappresentato, inoltre, un’occasione d’incontro tra esperti internazionali del settore appartenenti all'area mediterranea, balcanica ma anche dell'Africa sub-sahariana, paesi con i quali l'Italia ha da tempo avviato una solida cooperazione. Ampio spazio è stato dato, infine, ad approfondimenti su tematiche specifiche con focus su possibili iniziative che potranno nascere sullo scenario del Mediterraneo.
All'evento è intervenuto anche il ministro per la Cooperazione Internazionale e l'Iintegrazione Andrea Riccardi che ha evidenziato la forte sinergia tra il suo dicastero e il Viminale per quanto riguarda i fenomeni dell'immigrazione e che, come Paese, «abbiamo la chance di creare la nostra via».
L'importanza della collaborazione e di attuare politiche di sviluppo per i Paesi a forte immigrazione, è il parere del sottosegretario agli Esteri, Staffan De Mistura, presente all'incontro.
Tra le personalità intervenute a Roma anche i vertici delle polizie internazionali, dal direttore dell'Interpol Ronald Kenneth Noble - che ha evidenziato il ruolo dell'Italia come «capofila nella lotta alla criminalità organizzata» - al direttore di Europol, Rob Wainwright e al direttore dell'Ufficio regionale per il Mediterraneo dell'Oim, Oropeza.

IL CENTRO
La nuova struttura nasce sulla scorta delle conclusioni del Consiglio europeo del 14 dicembre 2006 e da quelle del Consiglio di Giustizia e Affari Interni del 25 febbraio 2010 dove veniva auspicata la creazione di un sistema europeo di sorveglianza delle frontiere marittime meridionali.

Il Centro nazionale di coordinamento per l'immigrazione, di cui faranno parte personale di Polizia di Stato, Guardia di Finanza, Carabinieri, Marina Militare e Capitaneria di Porto, coordinerà le Forze di Polizia e Forze Armate impegnate in attività di controllo dei confini nazionali per il contrasto all’immigrazione illegale, spesso gestite da vere e proprie organizzazioni criminali.

 

 

© Riproduzione Riservata

(tratto da www.mininterno.it)

Torna in alto