Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Perché fare affari non sarà più lo stesso dopo Covid-19

Perché fare affari non sarà più lo …

Per i manager, questa con...

Di chi è il piede che spunta nelle dirette di Giuseppe Conte?

Di chi è il piede che spunta nelle …

In questi giorni, più che...

Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

Prev Next
A+ A A-

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

PIÙ ANTICIPAZIONI DI TESORERIA PIUTTOSTO CHE CREDITI AD INVESTIMENTI E CONSUMO

L’ultimo rapporto sul settore bancario pubblicato dalla Banca Centrale, relativo all’anno 2018, rivela una attività bancaria ottimale nell’unione monetaria. Un settore quindi in piena espansione nell’insieme anche se sono da apportare notevoli miglioramenti ai servizi specialmente referenti al finanziamento ad imprese e consumi.  

In effetti, i dati dimostrano un aumento delle risorse di 9% grazie particolarmente ad una crescita dei depositi e crediti (+8,6%), in più delle riserve (+19,9%). Il totale dell’ammontare concesso dalle banche si è stabilito a 14.849,1 Miliardi FCFA nel 2018, contro 12.633,2 Miliardi FCFA nel 2017 in crescita del 17,5%, con percentuali d’incidenza dei crediti al consumo del 13%, ai mutui del 2%, e delle anticipazioni di tesoreria delle imprese del 63%. Si denota inoltre un aumento dei finanziamenti alle imprese in vari comparti, come l’esportazione (+204%) benché costituiscano solo l’1% dei prestiti concessi, l’acquisto di equipaggiamenti (+28,7%), ed anticipazioni di tesoreria (+13%). Le imprese sono la categoria di clientela maggiormente beneficiaria, con una media di 53,8% in tutta l’area, contro il 14% per i privati, mentre risultano in aumento i crediti ad entità come le imprese individuali (+19,1%), Stati ed organismi di vario genere (+40%).  

L’analisi dei dati indica una certa riluttanza delle banche a diversificare servizi ed impieghi delle risorse in settori a maggiore rischio tuttavia suscettibili di sostenere maggiormente la crescita, anche se i tassi d'interesse hanno subito nel decennio un forte ribasso di 177 punti, stabilendosi nel 2018 a 6,79%. Il mercato interbancario d’altronde riflette tale cautela con volumi di transazioni di una media settimanale di 276,7 Miliardi FCFA contro 294,5 Miliardi nel 2017, sia un calo di crescita di 6,4%.   

Sarebbe quindi imperativo che le strategie indette per il sistema finanziario dell’unione monetaria prendano in considerazione questi vari aspetti al fine di sostenere gli attuali andamenti. 

 

 

Torna in alto