Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

159 anni dalla proclamazione dell'Unità d'Italia

159 anni dalla proclamazione dell'U…

"Sono passati 159 anni da...

La crisi globale e le sue scosse

La crisi globale e le sue scosse

L’Europa sta affrontando ...

Il riequilibrio ai tempi del COVID-19

Il riequilibrio ai tempi del COVID-…

"Credo che il cosmo abbia...

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“L’esercizio” di Claudia Petrucci

“Non si giudica un libro ...

Padiglione Italia Expo 2020 Dubai: un’occasione per il rilancio dell’economia italiana

Padiglione Italia Expo 2020 Dubai: …

Mentre l’Italia attravers...

Prev Next
A+ A A-

FOLLOW THE MONEY

Fayez Al Sarraj Fayez Al Sarraj

Al Sarraj nuovo Premier di unità nazionale libica ha capito subito che per gestire pienamente la transizione verso politiche condivise tra tutte le fazioni presenti deve entrare immediatamente in possesso del patrimonio di Gheddafi congelato in asset esteri dalle sanzioni Onu del 2011, sbloccando ,inoltre, le leve finanziarie legate allo sfruttamento del petrolio e del gas.

Segui i soldi è oggi l'imperativo assoluto del Premier libico e la Coalizione internazionale è pronta a togliere le sanzioni per permettere a Sarraj di diventare l'unico ufficiale pagatore ed il vero Datore di lavoro riportando il paese alla normalità con i stipendi istituzionali regolarmente pagati.

La Libyan Investment Authority ( LIA ) con i suoi 85 miliardi di dollari di patrimonio, la National Oil Company ( NOC ) e la Banca Centrale rappresentano il tesoro del vecchio Dittatore ed ora possono entrare nella disponibilità del nuovo corso libico per dare la stabilità ad un paese ancora diviso e non pacificato.

La battaglia da vincere in questa fase è tutta economica e non militare ripristinato il circolo di denaro che determina il Pil libico anche gli altri contendenti Khalifa Ghwen, Nouri Abu Sahimin e Aguila Saleh troveranno la giusta collocazione nelle future dinamiche di gestione libiche.

Sul fronte terroristico la situazione è di stallo il califfato ha provato senza successo a prendere possesso  di alcuni terminali petroliferi per finanziarsi attraverso il contrabbando di greggio con Tunisia e Malta ma questo tipo di traffico risulta oggi estremamente difficile per i frequenti controlli delle forze militari occidentali..

La partita, quindi, anche sul fronte Isis si gioca esclusivamente sul piano finanziario, la progressiva riduzione delle risorse economiche porterà ad un graduale arretramento dei terroristi sul territorio libico.

La guerra sarà vinta dalla finanza, tutte le fazioni in lotta sono, infatti, disposte ad andare verso la pacificazione se avranno un favorevole accordo economico.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Torna in alto