Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Giordania: la necessità di rivedere politiche e procedure

Giordania: la necessità di rivedere…

Stiamo andando nella gius...

BOHEMIAN RHAPSODY

BOHEMIAN RHAPSODY

Ieri sera ho visto "Bohem...

Abbiate il coraggio di restare soli

Abbiate il coraggio di restare soli

La lettera del sindaco, l...

Buon anno e 195 giga di questi pixel!

Buon anno e 195 giga di questi pixe…

Una foto da 195 miliardi ...

Ciao Antonio

Ciao Antonio

"Se potessi fermare il te...

Riceviamo e pubblichiamo: lettera aperta al Ministro per la Pubblica Amministrazione

Riceviamo e pubblichiamo: lettera a…

LETTERA APERTA AL MINISTR...

Allerta USA su spionaggio dalla CINA

Allerta USA su spionaggio dalla CIN…

Quante aziende tecnologic...

Black Friday e test del DNA

Black Friday e test del DNA

Eccoci ci siamo è in arri...

Riconoscere un profilo fake

Riconoscere un profilo fake

Quante volte abbiamo sent...

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

Lo scorso 29 ottobre si s...

Prev Next
A+ A A-

La Roma è rinata in campionato anche grazie ad una startup che analizza gli avversari

Foto: www.laroma24.it Foto: www.laroma24.it

Si chiama Tag.Bio e da due mesi, secondo quanto riporta il Wall Street Journal, aiuta la squadra in fase di allenamento per capire le mosse degli avversari in anticipo.

Fonte: http://startupitalia.eu/ di Arcangelo Rociola

Dietro la settima vittoria di fila della Roma c’è anche una startup che da qualche mese aiuta la squadra durante gli allenamenti a calcolare meglio i movimenti in campo. Si chiama Tag.bio, è californiana, base a San Francisco. Che abbia cominciato a lavorare per la Roma lo ha rivelato in questi giorni Chris Pallotta, Raptor Capital Management, il fondo di private equity già diretto da James Pallotta, oggi presidente dell’As Roma, che ci ha investito nei mesi scorsi secondo quanto riportato dal Wall Street Journal. Ed adesso porta a Roma il frutto di quell’investimento.

L’analisi dei dati per prevedere i movimenti degli avversari, Tag.bio 

Tag.bio è un progetto nato dall’Università della California, a San Francisco, ed è fondata da due ex giocatori di calcio amatoriali. Il loro è un software che aiuta l’allenatore e i giocatori della Roma ad analizzare prima di una patita i movimenti degli avversari, aggregando i dati in possesso sulle partite precedenti. Questo permette di capire i movimenti in anticipo, o per lo meno prevederli con buon margine di esattezza prima che accadano.

Come in Moneyball di Miller (e di Brad Pitt)

Ricordate il film L’Arte di vincere, diretto da Bennet Miller e interpretato nel ruolo dell’allenatore degli Oakland Athletics da Brad Pitt? Beh non è molto diverso quello che Tag.bio fa con l’As Roma. E lo ricorda lo stesso Pallotta in un’intervista dove racconta l’accordo con la startup, in cui la società di investimento di famiglia ha investito 250mila dollari.

Tag.bio adesso sta chiudendo un secondo round di investimento, 1,5 milioni, con l’obiettivo di indagare altre applicazioni del software, oltre lo sport. Secondo quanto detto dal cofounder e Ceo Tom Covington, stanno lavorando ad un accordo con Honda, per le gare automobilistiche. Il tool sviluppato dal team di Tag.bio è utile a raccogliere dati dove ci sono gruppi di persone o gruppi di azioni, ed è capace di raccogliere ed individuare statisticamente movimenti o scelte ricorrenti. Guardando il sito di Tag.bio, si possono vedere analisi dei dati applicati allo sport, sì, ma anche aifilm, alla salute, alla genomica. Un campo di azione potenzialmente infinito, che sta esplodendo, non solo negli Usa, anche per quanto riguarda il marketing e la pubblicità.

Il software funziona, ma senza l’intelligenza analitica di un umano serve a niente

In realtà il software da solo non può tutto, spiega lo stesso Pallotta, e i due founders confermano che i dati e la loro analisi senza l’intelligenza umana servono a poco. Loro analizzano e spiegano i caratteri ricorrenti di gruppi e azioni, ma la loro analisi qualitativa spetta a chi deve prendere le decisioni. Ed è per questo che né il lavoro dell’allenatore, né quello dei calciatori, può essere minimamente compromesso da strumenti del genere. Aumentano la visione, ma non devono determinare le scelte.

Altro in questa categoria: « Il Mercantilismo La Fisiocrazia »
Torna in alto