Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Se Vittorio Sgarbi diventa Presidente del MART

Se Vittorio Sgarbi diventa Presiden…

O lo si ama, o lo si odia...

DAJE MATTE’

DAJE MATTE’

Lettera aperta all’On. Sa...

Game of Thrones: 3 motivi per non farne a meno

Game of Thrones: 3 motivi per non f…

NO SPOILER! L’attesa è f...

Avicii: album postumo, ma con consenso della famiglia (e per una buona causa)

Avicii: album postumo, ma con conse…

E’ quasi passato un anno ...

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTEL CON LA VOSTRA CULTURA?

AVETE MAI PENSATO DI PAGARE UN HOTE…

Pagare con la cultura? Or...

INTERVISTA A MAX MATTEI

INTERVISTA A MAX MATTEI

Appassionato sin da giova...

Giornata mondiale della consapevolezza sull’autismo

Giornata mondiale della consapevole…

"Anche se per me è diffic...

Il coraggio di ricominciare

Il coraggio di ricominciare

Si diceva da settimane ch...

Diritti umani: cosa aspettarsi dal 2019

Diritti umani: cosa aspettarsi dal …

Il 10 dicembre 2018 è sta...

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER CHI VUOLE VIAGGIARE NELL’ARTE

ARTONAUTI, L’ALBUM DI FIGURINE PER …

L’approccio al mondo dell...

Prev Next
A+ A A-

TIGER, UNA CATENA LUNGA 500 NEGOZI

Foto: www.dailybest.it Foto: www.dailybest.it
Tratto da:  http://www.morrisconsulting.eu/

 

Lennart Lajboschitz, 56 anni, danese, è il fondatore della nota catena di negozi Tiger dove si possono acquistare curiosi e divertenti oggetti per gli usi più disparati. Se si pensa che a vent’anni vendeva ombrelli usati nei mercatini delle pulci pare incredibile che oggi il suo impero conti più di 500 negozi in 27 Paesi.

 Un vero self made man, che non ha mai frequentato l’università né studiato gestione o finanza. Si è formato sulla strada, ha imparato dall’esperienza e se gli si chiede qual è il suo segreto risponde: «Osservo, viaggio, guardo i giovani: così posso innovare».

Il periodo più formativo della sua vita è stata l’infanzia, avendo avuto una educazione che lo ha abituato all’importanza di credere in se stessi. A quei tempi la Danimarca stava gettando le basi della moderna socialdemocrazia. Poi, una giovinezza emozionante: a sedici anni fa qualsiasi lavoretto, dal vendere fumetti all’allenare una squadra di ping pong, per finanziare i propri viaggi; viaggi che, zaino in spalla, continua con Suz, la sua futura moglie che conosce a vent’anni.

Poi, con lei, comincia a riparare ombrelli e venderli ai mercati di Copenhagen, un’esperienza che lo ha fatto «immergere nella realtà». Alla nascita del loro primo figlio, i due aprono un negozio, Zebra, e poi un pop up store. Nel 1995, mentre sono in vacanza, la cognata di Lajboschitz – a cui era stato affidato il negozio – li chiama disperata perché non trova i prezzi degli articoli. Le viene suggerito di prezzare tutto 10 corone, in slang “tier”. Da qui l’idea del prezzo fisso e, soprattutto, il nome Tiger.

Poi, l’idea geniale: perché non personalizzare gli oggetti? Lajboschitz comincia a disegnare baffi su tazze, aggiungere piedi di gomma alle calcolatrici e… aprire 40 negozi in tre anni.

«Gli articoli che vengono acquistati sono scelti dal nostro buying team in collaborazione con i designer, che dovranno poi modificarli» dice Tina Schwartz, direttore marketing di Tiger. «Ogni settimana introduciamo 300 nuovi prodotti, lavoriamo a un ritmo molto veloce grazie a un’organizzazione piatta e informale».

 Nel 2012 Lajboschitz ha ceduto il 70% di Tiger a Eqt, un fondo svedese di private equity: ora non è più Ceo ma direttore creativo. Ma mantiene comunque il timone dell’azienda. «Se mi guardo indietro» afferma, «mi rendo conto che ciò che ha significato di più per me sono mia moglie e i miei figli. Spero succeda anche ai miei clienti. Con i miei prodotti cerco di fare in modo che la gente si incontri, mangi insieme e magari faccia dei bambini…».

 


Torna in alto