Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Logo
Stampa questa pagina

Mafia e ristorazione

Fonte immagine: lurlo.info Fonte immagine: lurlo.info

Dopo il blitz della Direzione Investigativa Antimafia che si è concluso con il sequestro a Roma del ristorante “ Il baroccio “ la Coldiretti afferma in una recente nota: sono più di cinquemila i locali della ristorazione del nostro paese gestiti dalla criminalità organizzata che approfittando della profonda crisi esistente è riuscita a penetrare in modo capillare l’economia legale.

Le mafie acquisendo e gestendo direttamente ed indirettamente gli esercizi ristorativi e più in generale in agricoltura hanno la possibilità di rispondere facilmente ad una delle necessità più pressanti: riciclare il denaro frutto delle attività illecite.

Il volume di affari complessivo dell’agromafia  è salito sempre secondo Coldiretti – a 15,4 miliardi di euro, in netta controtendenza rispetto alla fase recessiva del paese.

L’agroalimentare è una delle aree di investimento prioritario della malavita che comprendendone l’importanza strategica riesce ad infiltrarsi nella vita quotidiana delle persone.

La ristorazione è dunque lo schermo legale dietro il quale si cela l’espansione mafiosa sempre più aggressiva ormai integrata nell’economia produttiva italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati (da tag)

© RIPRODUZIONE RISERVATA