Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Giordania: la necessità di rivedere politiche e procedure

Giordania: la necessità di rivedere…

Stiamo andando nella gius...

BOHEMIAN RHAPSODY

BOHEMIAN RHAPSODY

Ieri sera ho visto "Bohem...

Abbiate il coraggio di restare soli

Abbiate il coraggio di restare soli

La lettera del sindaco, l...

Buon anno e 195 giga di questi pixel!

Buon anno e 195 giga di questi pixe…

Una foto da 195 miliardi ...

Ciao Antonio

Ciao Antonio

"Se potessi fermare il te...

Riceviamo e pubblichiamo: lettera aperta al Ministro per la Pubblica Amministrazione

Riceviamo e pubblichiamo: lettera a…

LETTERA APERTA AL MINISTR...

Allerta USA su spionaggio dalla CINA

Allerta USA su spionaggio dalla CIN…

Quante aziende tecnologic...

Black Friday e test del DNA

Black Friday e test del DNA

Eccoci ci siamo è in arri...

Riconoscere un profilo fake

Riconoscere un profilo fake

Quante volte abbiamo sent...

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

CEUQ e USB su “Lavoro privato”

Lo scorso 29 ottobre si s...

Prev Next
A+ A A-

Mafia e ristorazione

Fonte immagine: lurlo.info Fonte immagine: lurlo.info

Dopo il blitz della Direzione Investigativa Antimafia che si è concluso con il sequestro a Roma del ristorante “ Il baroccio “ la Coldiretti afferma in una recente nota: sono più di cinquemila i locali della ristorazione del nostro paese gestiti dalla criminalità organizzata che approfittando della profonda crisi esistente è riuscita a penetrare in modo capillare l’economia legale.

Le mafie acquisendo e gestendo direttamente ed indirettamente gli esercizi ristorativi e più in generale in agricoltura hanno la possibilità di rispondere facilmente ad una delle necessità più pressanti: riciclare il denaro frutto delle attività illecite.

Il volume di affari complessivo dell’agromafia  è salito sempre secondo Coldiretti – a 15,4 miliardi di euro, in netta controtendenza rispetto alla fase recessiva del paese.

L’agroalimentare è una delle aree di investimento prioritario della malavita che comprendendone l’importanza strategica riesce ad infiltrarsi nella vita quotidiana delle persone.

La ristorazione è dunque lo schermo legale dietro il quale si cela l’espansione mafiosa sempre più aggressiva ormai integrata nell’economia produttiva italiana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli correlati (da tag)

Torna in alto