Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
UN AMORE RUVIDO

UN AMORE RUVIDO

Preferisco scriverti.   ...

TRE WORKSHOP A MERIGAR

TRE WORKSHOP A MERIGAR

Sviluppare la percezione ...

QUESTI FANTASMI... PERO’

QUESTI FANTASMI... PERO’

        Non so se definir...

LE MEZZE MANICHE

LE MEZZE MANICHE

Prima media, anni 10, e...

LUPO NERO, LUPO BIANCO: viaggio nel gruppo Permacultura Sicilia, a cura di Ottavia Nigris Cosattini - proiezione docu-film il 4 marzo al Teatro Quirinetta (Roma)

LUPO NERO, LUPO BIANCO: viaggio nel…

  La parola “permacultur...

X ACTOR: al via la XIII edizione del Festival Teatrale Europeo - dal 22 al 27 Febbraio (Teatro Abarico)

X ACTOR: al via la XIII edizione de…

Nel 2005 L’Accademia Teat...

La civiltà del lavoro

La civiltà del lavoro

“Questa è una storia di c...

Ultimo vince Sanremo la sua dedica al capitano

Ultimo vince Sanremo la sua dedica …

La parte che ho sempre od...

Le foibe nella giornata del ricordo 2018

Le foibe nella giornata del ricordo…

Il ricordo delle foibe ch...

IL CAPPOTTO ROSSO

IL CAPPOTTO ROSSO

Dieta, dieta ferrea, ni...

Prev Next
A+ A A-

Rubrica di Economia

Per economia intendiamo un sistema di pianificazione delle attività della stessa natura attuate a tal fine da un insieme di persone, organizzazioni e istituzioni. In questa rubrica particolare attenzione è posta alla storia del pensiero economico, che si occupa dello sviluppo dell’economia politica dalle origini ai giorni nostri, oltre che alle analisi degli interessi economici correlati alle relazioni sociali. 

Gli economisti sono dei chirurghi che posseggono un ottimo scalpello e un bisturi sbrecciato: lavorano a meraviglia sul morto e martirizzano il vivo. Nicolas de Chamfort

IL FRANCO CFA: PRO O CONTRO

Parte prima: Delle Origini della valuta

E’ una prassi ricorrente che le battaglie ideologiche contro il mantenimento del Franco CFA, in nome della sovranità dei paesi membri dell’Unione Monetaria, assumano automaticamente una forma di lotta impetuosa per un totale affrancamento delle ex colonie francofone da quel sistema che viene definito “neocolonialisme français” o “françafrique”, quando contiamo tra i membri dell’unione, in più dal 1997, un paese come la Guinea Bissau, ex colonia portoghese. Assurdo direi. Come se la valuta, non può e non potrà in nessun modo riscattarsi dal suo passato coloniale. Risulta quindi impossibile impostare la questione in un contesto puramente economico, da limitare la valuta ad una semplice prerogativa di irrefrenabili scambi commerciali ed affaristici tra Europa e Africa Occidentale risalenti da 500 anni.

Leggi tutto...

FOLLOW THE MONEY

Al Sarraj nuovo Premier di unità nazionale libica ha capito subito che per gestire pienamente la transizione verso politiche condivise tra tutte le fazioni presenti deve entrare immediatamente in possesso del patrimonio di Gheddafi congelato in asset esteri dalle sanzioni Onu del 2011, sbloccando ,inoltre, le leve finanziarie legate allo sfruttamento del petrolio e del gas.

Leggi tutto...

Mafia e ristorazione

Dopo il blitz della Direzione Investigativa Antimafia che si è concluso con il sequestro a Roma del ristorante “ Il baroccio “ la Coldiretti afferma in una recente nota: sono più di cinquemila i locali della ristorazione del nostro paese gestiti dalla criminalità organizzata che approfittando della profonda crisi esistente è riuscita a penetrare in modo capillare l’economia legale.

Le mafie acquisendo e gestendo direttamente ed indirettamente gli esercizi ristorativi e più in generale in agricoltura hanno la possibilità di rispondere facilmente ad una delle necessità più pressanti: riciclare il denaro frutto delle attività illecite.

Leggi tutto...

Abenomics

Il ritorno al potere del Partito liberal democratico[1] e di Shinzo Abe[2], con la vittoria delle elezioni di dicembre 2012, ha portato a una vera e propria rivoluzione nel campo della politica economica non solo giapponese. Da decenni a questa parte, nessuna grossa variante economica è foriera di un effetto domino che può investire positivamente o negativamente altri stati. Le iniziative economiche del primo ministro giapponese, sono state soprannominate Abenomics, nome nato per l’appunto da un mix tra il cognome del politico e la parola “Economics”.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS