Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
“Friends” festeggia il 25esimo compleanno

“Friends” festeggia il 25esimo comp…

Quando è stato lanciato i...

Expo2020: il regalo di Dubai al mondo

Expo2020: il regalo di Dubai al mon…

Si avvicina l’inizio di u...

“Il Re Leone”: ci piace davvero mettere in gioco la nostra infanzia?

“Il Re Leone”: ci piace davvero met…

Non vi è dubbio che il li...

Guerra in Libia, il ruolo degli Emirati Arabi nel conflitto

Guerra in Libia, il ruolo degli Emi…

Nel difficile contesto li...

Gli Emirati Arabi Uniti condannano il piano di annessione di Netanyahu

Gli Emirati Arabi Uniti condannano …

Le monarchie del Golfo co...

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la sfida allo spazio

Gli Emirati Arabi Uniti lanciano la…

L’obiettivo degli Emirati...

Quando il semplice rischio si trasforma in una crisi profonda

Quando il semplice rischio si trasf…

Il trattamento degli inse...

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

SETTORE BANCARIO ZONA WAEMU

PIÙ ANTICIPAZIONI DI TESO...

LO YOGA DEL SOGNO

LO YOGA DEL SOGNO

È possibile rimanere cosc...

Era il 3 settembre 1982

Era il 3 settembre 1982

In data 03 Settembre 1982...

Prev Next
A+ A A-

INTERVISTA A MAX MATTEI

  • Pubblicato in Cultura

Appassionato sin da giovane all’arte e alla poesia, Max Mattei ha avuto una formazione artistica solida, dovuta al Liceo Artistico prima e all’Accademia poi, grazie alla quale gli sono stati conferii svariati premi e riconoscimenti. Personaggio eclettico e complesso, l’artista è in grado di portare la sua personalità vivace, ma allo stesso tempo riflessiva, anche nell’arte, grazie alla compresenza di tendenze classiche, metafisiche ed astratte, che vanno ad interagire con un simbolismo importante, espresso non solo su tela, ma anche tramite la scultura su legno e pietra.

Leggi tutto...

Klingande: “L’Album è pronto”

Un successo cresciuto “a vista d’occhio” quello di Klingande. Previsto per settembre, “The Album” non sarà, per il produttore francese, solamente un disco, ma sarà anche il primo col quale l’artista cercherà di imporsi definitivamente sulla scena – che in questi anni lo ha già abbondantemente apprezzato. “The Album” è un ritorno alle origini, per le quali assumono centralità le sonorità già espresse nella traccia più iconica e conosciuta dell’artista, “Jubel”. Troviamo proprio le stesse idee e lo stesso modo di esprimersi, ovviamente rivisti nell’ottica del processo creativo evolutosi in questi anni, in “By The River”, traccia uscita oggi, con la quale Klingande ha voluto regalarci un antipasto di cosa ci aspetterà il 27 settembre.

Leggi tutto...

La contraddizione è ricchezza, è umanità: il viaggio di Nic Sarno

Nic Sarno è senza dubbio uno degli artisti più curiosi, dinamici e polimaterici del panorama musicale italiano. L’ultima mossa – per certi versi a sorpresa, per uno che si è fatto un nome ai tempi della fidget house – lo vede in marcia assieme alla White Forest Records, label per la quale ha pubblicato l’8 dicembre 2017 “Satori”, album dalla grande continuità e comunicatività, ma anche label che di primo acchito uno vedrebbe più legata a nomi ad esempio del beatmaking italiano. Ma Sarno è, appunto, un artista vero, uno di quelli a trecentosessanta gradi. La sua popolarità, qualche anno fa, magari è arrivata a quelli che erano i “suoni del momento” dell’epoca, ma il suo spesso va ben al di là delle mode. Come questa bella chiacchierata dimostra.

Leggi tutto...
Sottoscrivi questo feed RSS