Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Perché fare affari non sarà più lo stesso dopo Covid-19

Perché fare affari non sarà più lo …

Per i manager, questa con...

Di chi è il piede che spunta nelle dirette di Giuseppe Conte?

Di chi è il piede che spunta nelle …

In questi giorni, più che...

Il mondo siamo noi

Il mondo siamo noi

Nell’oramai lontano 1985,...

L'omelia del Papa in tempo di epidemia

L'omelia del Papa in tempo di epide…

Riportiamo le parole pron...

Riflessione e proposta: la lettera di Pupi Avati alla Rai

Riflessione e proposta: la lettera …

Riflessione e proposta E...

Dantedì: la giornata commemorativa della Divina Commedia

Dantedì: la giornata commemorativa …

Oggi non è solo mercoledì...

Una crisi globale: che dire delle scosse di assestamento?

Una crisi globale: che dire delle s…

L'Europa sta affrontando ...

Prev Next
A+ A A-

Perché il calendario dei Carabinieri è ancora importante?

Perché il calendario dei Carabinieri è ancora importante?

Scrittura e arte: abilità capaci allo stesso modo di farci emozionare, riflettere e viaggiare in mondi immaginari e inaspettati. 

È proprio a questa speciale vena narrativa che si rivolge il prezioso calendario dell’Arma dei Carabinieri 2020, che vede una collaborazione inedita e straordinaria tra Margaret Mazzantini e Mimmo Paladino, famosissimo esponente della Transavanguardia Italiana.

Divenuto ormai simbolo della tradizione italiana (basti pensare che la prima edizione risale al 1928 e che la tiratura da anni supera il milione di copie), già dalla copertina l’almanacco si presenta come un oggetto di valore e prestigio, non solo dal punto di vista cromatico, ma anche simbolico. Certamente il color oro, che strizza l’occhio ai mosaici ravennati, impreziosisce e risulta di grande impatto, ma è anche palese riferimento alla Medaglia d’oro al Valor Militare consegnata alla Bandiera dell’Arma il 5 giugno 1920.

I temi di quest’anno sembrano essere la passione e la dedizione, valori che sono stati ben rappresentati dai due artisti scelti per il progetto di quest’anno, e che vanno a combaciare con l’eroismo quotidiano con il quale i Carabinieri dispiegano la propria forza sul territorio nazionale. Le tele oniriche di Mimmo Paladino si incontrano con la scrittura impetuosa e travolgente di Margaret Mazzantini, regalandoci un bell’esempio di narrativa illustrata, una raccolta di storie, volta a sottolineare l’impegno sociale col quale i Carabinieri, ogni giorno, esercitano la loro funzione. 

E’ giusto ricordare che, sino al 6 gennaio 2020, presso il museo Mart di Rovereto, saranno in esposizione le tele di Mimmo Paladino usate per il calendario, in una mostra intitolata “Eroi del quotidiano”.

Torna in alto