Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Buon compleanno Tommaso

Buon compleanno Tommaso

Tommaso ama ogni angolo d...

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico…

La politica globale sta c...

Iatrocrazia - La dittatura del Corona Virus

Iatrocrazia - La dittatura del Coro…

Il termine, in realtà, no...

Perché Chiara Ferragni è (sempre) una buona idea

Perché Chiara Ferragni è (sempre) u…

Quando ci sono di mezzo g...

Tenendo d'occhio la Siria meridionale

Tenendo d'occhio la Siria meridiona…

I recenti sviluppi nel su...

Ciao Claudio e’ difficile resistere alla tua assenza

Ciao Claudio e’ difficile resistere…

Se avessi il potere di fe...

TACCUINI D’ARTISTA: IL CASO DELLA GALLERIA NAZIONALE DELL’UMBRIA

TACCUINI D’ARTISTA: IL CASO DELLA G…

I taccuini d’artista sono...

L'alleanza transfrontaliera Giordania-Iraq è una priorità strategica

L'alleanza transfrontaliera Giordan…

La potenziale instabilità...

L'inevitabilità storica ha bisogno di nuove prospettive

L'inevitabilità storica ha bisogno …

Negli ultimi anni, si è v...

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le implicazioni giordane delle sfid…

Le sfide in Medio Oriente...

Prev Next
A+ A A-

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Google oggi, 3 ottobre, fa un salto indietro nel tempo, riportandoci a 180 anni fa, quando venne inaugurata la Napoli – Portici

3 ottobre 1839, Regno delle Due Sicilie. L’Italia non era ancora unita, e a inaugurare con una solenne cerimonia la prima linea ferroviaria italiana a doppio binario che conduceva da Portici a Napoli c’era Re Ferdinando II di Borbone. Si trattava di “soli” 7,2 chilometri di linea, percorsi in circa 15 minuti, ma il momento fu storico. 

“Vesuvio”, la locomotiva a vapore protagonista dell’inaugurazione, venne acquistata dalla società inglese Longridge Starbuck e Co. di Newcastle-Upon Tyne e costruita a San Giovanni a Teducci. Era costituita da 8 vagoni, pesava oltre 13 tonnellate e poteva raggiungere la velocità massima di 50 chilometri orari.

Il progetto della rete ferroviaria era stato affidato all’ingegnere francese Armando Giuseppe Bayard de la Vingtrie che, in cambio di sfruttare i diritti per la propria opera per 99 anni, aveva ottenuto la concessione di poter realizzare a proprie spese l’intera opera di cui la Napoli – Portici era solo una minima frazione. 

Il progetto di de la Vingtrie puntava a collegare, nell’arco di circa 4 anni, di una rete ferroviaria che unisse Napoli e Nocera Inferiore, Nocera a Pompei (1844), Torre Annunziata e Castellammare (1842) e un’ulteriore tranche che collegava alla rete ferroviaria la città di Salerno. 

Ma i lavori si interruppero nel 1860 a causa di una mancanza di finanziamenti e problemi politici del regno borbonico il progetto di de la Vingtaire aveva preso vita solo per 99 chilometri di linea e, con l’Unità d’Italia, i lavori di sviluppo della rete ferroviaria italiana si spostarono al Nord.

E purtroppo, la restante storia del mancato pieno sviluppo e dei mancati investimenti nello sviluppo della ferroviaria nel Sud del Paese resta tutt’oggi sotto gli occhi di tutte e tutti.

Fonte: OpenOnline

Torna in alto