Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La lotteria Impresa Sicura

La lotteria Impresa Sicura

Il Decreto Legge Cura Ita...

L’Italia cede il passo alla Turchia

L’Italia cede il passo alla Turchia

Perché la vicenda di Silv...

Emirates diventa la prima compagnia aerea a condurre test rapidi Covid-19

Emirates diventa la prima compagnia…

Nel mondo gravemente prov...

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Luis Sepúlveda ci ha lasciato.

Muore a 70 anni lo scritt...

In Turchia il Coronavirus fa paura: dichiarato stato di coprifuoco per 48 ore

In Turchia il Coronavirus fa paura:…

In Turchia per due gior...

La Macedonia entra nella NATO e nell’Unione Europea

La Macedonia entra nella NATO e nel…

Nello scarso o quasi null...

Covid19: gli aiuti emiratini all’Italia

Covid19: gli aiuti emiratini all’It…

Gli Emirati Arabi Uniti, ...

Raffaello e la natura: quel rapporto che dura da 500 anni

Raffaello e la natura: quel rapport…

Raffaello moriva 500 anni...

Perché fare affari non sarà più lo stesso dopo Covid-19

Perché fare affari non sarà più lo …

Per i manager, questa con...

Di chi è il piede che spunta nelle dirette di Giuseppe Conte?

Di chi è il piede che spunta nelle …

In questi giorni, più che...

Prev Next
A+ A A-

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Google oggi, 3 ottobre, fa un salto indietro nel tempo, riportandoci a 180 anni fa, quando venne inaugurata la Napoli – Portici

3 ottobre 1839, Regno delle Due Sicilie. L’Italia non era ancora unita, e a inaugurare con una solenne cerimonia la prima linea ferroviaria italiana a doppio binario che conduceva da Portici a Napoli c’era Re Ferdinando II di Borbone. Si trattava di “soli” 7,2 chilometri di linea, percorsi in circa 15 minuti, ma il momento fu storico. 

“Vesuvio”, la locomotiva a vapore protagonista dell’inaugurazione, venne acquistata dalla società inglese Longridge Starbuck e Co. di Newcastle-Upon Tyne e costruita a San Giovanni a Teducci. Era costituita da 8 vagoni, pesava oltre 13 tonnellate e poteva raggiungere la velocità massima di 50 chilometri orari.

Il progetto della rete ferroviaria era stato affidato all’ingegnere francese Armando Giuseppe Bayard de la Vingtrie che, in cambio di sfruttare i diritti per la propria opera per 99 anni, aveva ottenuto la concessione di poter realizzare a proprie spese l’intera opera di cui la Napoli – Portici era solo una minima frazione. 

Il progetto di de la Vingtrie puntava a collegare, nell’arco di circa 4 anni, di una rete ferroviaria che unisse Napoli e Nocera Inferiore, Nocera a Pompei (1844), Torre Annunziata e Castellammare (1842) e un’ulteriore tranche che collegava alla rete ferroviaria la città di Salerno. 

Ma i lavori si interruppero nel 1860 a causa di una mancanza di finanziamenti e problemi politici del regno borbonico il progetto di de la Vingtaire aveva preso vita solo per 99 chilometri di linea e, con l’Unità d’Italia, i lavori di sviluppo della rete ferroviaria italiana si spostarono al Nord.

E purtroppo, la restante storia del mancato pieno sviluppo e dei mancati investimenti nello sviluppo della ferroviaria nel Sud del Paese resta tutt’oggi sotto gli occhi di tutte e tutti.

Fonte: OpenOnline

Torna in alto