Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Buon compleanno Tommaso

Buon compleanno Tommaso

Tommaso ama ogni angolo d...

Individuare un vantaggio strategico nello spostamento delle dinamiche globali

Individuare un vantaggio strategico…

La politica globale sta c...

Iatrocrazia - La dittatura del Corona Virus

Iatrocrazia - La dittatura del Coro…

Il termine, in realtà, no...

Perché Chiara Ferragni è (sempre) una buona idea

Perché Chiara Ferragni è (sempre) u…

Quando ci sono di mezzo g...

Tenendo d'occhio la Siria meridionale

Tenendo d'occhio la Siria meridiona…

I recenti sviluppi nel su...

Ciao Claudio e’ difficile resistere alla tua assenza

Ciao Claudio e’ difficile resistere…

Se avessi il potere di fe...

TACCUINI D’ARTISTA: IL CASO DELLA GALLERIA NAZIONALE DELL’UMBRIA

TACCUINI D’ARTISTA: IL CASO DELLA G…

I taccuini d’artista sono...

L'alleanza transfrontaliera Giordania-Iraq è una priorità strategica

L'alleanza transfrontaliera Giordan…

La potenziale instabilità...

L'inevitabilità storica ha bisogno di nuove prospettive

L'inevitabilità storica ha bisogno …

Negli ultimi anni, si è v...

Le implicazioni giordane delle sfide multidimensionali in tutta la regione

Le implicazioni giordane delle sfid…

Le sfide in Medio Oriente...

Prev Next
A+ A A-

“Il Re Leone”: ci piace davvero mettere in gioco la nostra infanzia?

“Il Re Leone”: ci piace davvero mettere in gioco la nostra infanzia?

Non vi è dubbio che il live-action de “Il Re Leone” fosse uno degli eventi più attesi di questo 2019 e, devo dire, che l’attesa non è stata per nulla delusa. A primo impatto, “The Lion King” è opera digitale senza precedenti e da lasciare senza fiato, arricchita poi dalle voci magnetiche di Elisa, Marco Mengoni e, non da ultimo, Luca Ward, che in questo contesto dà voce a Mufasa, ma divenuto famoso per essere stato il doppiatore di Russell Crowe ne “Il Gladiatore”. 

In tutto questo turbinio di bellezza, c’è un però: manca il sentimento. 

Siamo davvero sicuri che la realtà superi la fantasia? Mi spiego meglio: la grafica da documentario naturalistico davvero ci offre le stesse sensazioni che in precedenza ci ha dato il cartone animato?

La mia risposta è no: nella versione 2019 del film ci viene tolta la più grande possibilità che ci viene data da ciò che è cartone animato, ossia la possibilità di immaginare come sarebbe nella realtà. Un esempio: nella mia fervida immaginazione di bambina, mai mi sarei immaginata la versione “reale” di Simba come quella che è stata veicolata in questo film, eppure il formato documentario ha come limitato la mia immaginazione, le mie fantasie. 

A favore di chi invece preferisce il live action, c’è anche da considerare che i bambini nati negli ultimi anni troverebbero senza dubbio atemporale e anacronistica la versione 1994 del film. 

La mancanza della possibilità di immaginazione ci porta a considerare anche un ulteriore vuoto: manca Ivana Spagna, che in questa occasione ha passato il testimone a Cheryl Porter (famosa vocal coach). Non voglio dire che questa sia da meno, anzi, la voce e forse più pulita di quella della Spagna. 

Eppure, il fatto è che noi siamo abituati a sublimare i ricordi della nostra infanzia come perfetti, immutabili: non che il cambiamento sia negativo, ci mancherebbe, è solo che gli aggiornamenti non hanno lo stesso sapore profondo ed empatico di ciò che abbiamo conosciuto prima.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Altro in questa categoria: « Era il 3 settembre 1982 Elogio del gatto »
Torna in alto