Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi Uniti e il primato universitario

Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi…

Poco più di 2,5 milioni d...

Dino Buzzati, l’illustratore della parola

Dino Buzzati, l’illustratore della …

Da poco più di una settim...

Perché è così importante che la “Pala dei Decemviri” di Perugino torni a Perugia?

Perché è così importante che la “Pa…

Dopo la “Madonna col Bamb...

Giorgio Bassani e il suo impegno per l’Italia

Giorgio Bassani e il suo impegno pe…

Riflessioni e argomentazi...

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è inizi...

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità: un fattore cruciale per le vacanze dei millennial

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità…

Dubai è stata tra le cinq...

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTURALE DEL GOLFO

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTUR…

Fervono i preparativi per...

“Un Amore” di Dino Buzzati

“Un Amore” di Dino Buzzati

Ideato nel 1959, ma pubbl...

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferr…

Google oggi, 3 ottobre, f...

“Un buon posto dove stare” di Francesca Manfredi

“Un buon posto dove stare” di Franc…

Libro d’esordio di France...

Prev Next
A+ A A-

“Il Re Leone”: ci piace davvero mettere in gioco la nostra infanzia?

“Il Re Leone”: ci piace davvero mettere in gioco la nostra infanzia?

Non vi è dubbio che il live-action de “Il Re Leone” fosse uno degli eventi più attesi di questo 2019 e, devo dire, che l’attesa non è stata per nulla delusa. A primo impatto, “The Lion King” è opera digitale senza precedenti e da lasciare senza fiato, arricchita poi dalle voci magnetiche di Elisa, Marco Mengoni e, non da ultimo, Luca Ward, che in questo contesto dà voce a Mufasa, ma divenuto famoso per essere stato il doppiatore di Russell Crowe ne “Il Gladiatore”. 

In tutto questo turbinio di bellezza, c’è un però: manca il sentimento. 

Siamo davvero sicuri che la realtà superi la fantasia? Mi spiego meglio: la grafica da documentario naturalistico davvero ci offre le stesse sensazioni che in precedenza ci ha dato il cartone animato?

La mia risposta è no: nella versione 2019 del film ci viene tolta la più grande possibilità che ci viene data da ciò che è cartone animato, ossia la possibilità di immaginare come sarebbe nella realtà. Un esempio: nella mia fervida immaginazione di bambina, mai mi sarei immaginata la versione “reale” di Simba come quella che è stata veicolata in questo film, eppure il formato documentario ha come limitato la mia immaginazione, le mie fantasie. 

A favore di chi invece preferisce il live action, c’è anche da considerare che i bambini nati negli ultimi anni troverebbero senza dubbio atemporale e anacronistica la versione 1994 del film. 

La mancanza della possibilità di immaginazione ci porta a considerare anche un ulteriore vuoto: manca Ivana Spagna, che in questa occasione ha passato il testimone a Cheryl Porter (famosa vocal coach). Non voglio dire che questa sia da meno, anzi, la voce e forse più pulita di quella della Spagna. 

Eppure, il fatto è che noi siamo abituati a sublimare i ricordi della nostra infanzia come perfetti, immutabili: non che il cambiamento sia negativo, ci mancherebbe, è solo che gli aggiornamenti non hanno lo stesso sapore profondo ed empatico di ciò che abbiamo conosciuto prima.

 © RIPRODUZIONE RISERVATA

Altro in questa categoria: « Era il 3 settembre 1982 Elogio del gatto »
Torna in alto