Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
Perché è così importante che la “Pala dei Decemviri” di Perugino torni a Perugia?

Perché è così importante che la “Pa…

Dopo la “Madonna col Bamb...

Giorgio Bassani e il suo impegno per l’Italia

Giorgio Bassani e il suo impegno pe…

Riflessioni e argomentazi...

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è inizi...

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità: un fattore cruciale per le vacanze dei millennial

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità…

Dubai è stata tra le cinq...

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTURALE DEL GOLFO

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTUR…

Fervono i preparativi per...

“Un Amore” di Dino Buzzati

“Un Amore” di Dino Buzzati

Ideato nel 1959, ma pubbl...

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferr…

Google oggi, 3 ottobre, f...

“Un buon posto dove stare” di Francesca Manfredi

“Un buon posto dove stare” di Franc…

Libro d’esordio di France...

Donne e Islam: la svolta degli Emirati Arabi Uniti

Donne e Islam: la svolta degli Emir…

Le questioni di genere, o...

Emirati Arabi Uniti alla riunione ministeriale sulla Libia a New York

Emirati Arabi Uniti alla riunione m…

Lo sceicco Abdullah bin Z...

Prev Next
A+ A A-

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan, Musica in piazza, 1991 Rinaldo Balzan, Musica in piazza, 1991

Leggiadro, ma potente, Rinaldo Balzan è una piacevole scoperta. 

Nato il 10 dicembre a Belluno, l’artista ha visto l’attività pittorica negli anni che vanno dal 1957 al 2007, anno della morte. Se il periodo fra il ‘60 e ‘70 coincidono con quelli della formazione, è dagli anni ‘80 in poi che si vedrà effettivamente la completa maturità dell’artista, dove un mondo immaginario e lirico va ad incontrarsi con le suggestioni derivanti dalla frequentazione e dalla visione, intelligentemente assimilata, di varie esposizioni.

Rinaldo Balzan deve aver certamente guardato al conterraneo Fiorenzo Tomea per quanto riguarda i paesaggi invernali e la resa geometrica delle abitazioni (“Inverno bellunese” nel 1971 è sicuramente un ripensamento maturo dell’opera dell’artista cadorino, ma, se si considerano le opere giovanili di Balzan, lo sguardo risulta molto più attento), mentre è facilmente intuibile lo sguardo a un più famoso Modigliani per quanto riguarda i colli lunghi ed esili delle figure femminili, come si nota, ad esempio, ne “Il duetto”, del 2002. 

Come scrive giustamente Erminio Mazzucco,:”Uomini ed esili donne recitano nei palcoscenici dei suoi paesaggi o nelle quinte teatrali rappresentate dagli incantevoli scorsi di una Belluno antica, o sul candore metafisico di lidi marini dove poche linee cadenzano uno spazio immobile ed un cielo irreale”.

È proprio questa l’essenza della poetica balzaniana: è quella di rendere raffinato qualsiasi soggetto, qualsiasi sia l’area tematica. Scene di vita quotidiana divengono favole, in un’atmosfera rarefatta, impalpabile, ma familiare, dove a giocare ruolo determinante è la luce, alla quale è demandato il ruolo di unire e rendere unitaria la tela. Balzan rende ciò che è comune, sognante è sottile. Le linee sono fragili e spezzate, i soggetti timidi, la pennellata flebile e candida, così come lo è la tavolozza dai colori pastello, ma carichi di personalità cromatica. Le volumetrie, seppur fioche, risultano un gioco ben organizzato di contrasti, dove colori caldi e freddi vengono messi in relazione, in un vortice di resa incredibilmente regolato. 

L’esposizione di Rinaldo Balzan a Palazzo Crepadona (BL) è gratuita e si concluderà il 29 giugno 2019.  

Torna in alto