Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La “Madonna col Bambino” del Pinturicchio sarà esposta alla Galleria Nazionale dell’Umbria

La “Madonna col Bambino” del Pintur…

Quando un’opera “torna a ...

Libri da leggere per essere cittadini con più coscienza

Libri da leggere per essere cittadi…

Non nascono per esserlo, ...

L'eco della storia

L'eco della storia

In questi ultimi giorni, ...

Sim Swapping - la minaccia tornata di moda

Sim Swapping - la minaccia tornata …

Per la serie “a volte rit...

UNA NAZIONE SI SUICIDA  QUANDO DEMOLISCE LA PROPRIA ISTITUZIONE SCOLASTICA

UNA NAZIONE SI SUICIDA QUANDO DEMO…

Dalla prima pagina de “Il...

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan poeta del colore

Leggiadro, ma potente, Ri...

È ora di (ri)iniziare a stampare le fotografie

È ora di (ri)iniziare a stampare le…

Tutti abbiamo, o abbiamo ...

A.C. DIMIDI - L’Associazione che non c’era.....

A.C. DIMIDI - L’Associazione che no…

Nata meno di 6 mesi fa, l...

BOLDINI A FERRARA

BOLDINI A FERRARA

Nello spazio espositivo d...

Game of Thrones: il finale di cui avevamo bisogno? *spoiler*

Game of Thrones: il finale di cui a…

Lo abbiamo immaginato, sp...

Prev Next
A+ A A-

Rinaldo Balzan poeta del colore

Rinaldo Balzan, Musica in piazza, 1991 Rinaldo Balzan, Musica in piazza, 1991

Leggiadro, ma potente, Rinaldo Balzan è una piacevole scoperta. 

Nato il 10 dicembre a Belluno, l’artista ha visto l’attività pittorica negli anni che vanno dal 1957 al 2007, anno della morte. Se il periodo fra il ‘60 e ‘70 coincidono con quelli della formazione, è dagli anni ‘80 in poi che si vedrà effettivamente la completa maturità dell’artista, dove un mondo immaginario e lirico va ad incontrarsi con le suggestioni derivanti dalla frequentazione e dalla visione, intelligentemente assimilata, di varie esposizioni.

Rinaldo Balzan deve aver certamente guardato al conterraneo Fiorenzo Tomea per quanto riguarda i paesaggi invernali e la resa geometrica delle abitazioni (“Inverno bellunese” nel 1971 è sicuramente un ripensamento maturo dell’opera dell’artista cadorino, ma, se si considerano le opere giovanili di Balzan, lo sguardo risulta molto più attento), mentre è facilmente intuibile lo sguardo a un più famoso Modigliani per quanto riguarda i colli lunghi ed esili delle figure femminili, come si nota, ad esempio, ne “Il duetto”, del 2002. 

Come scrive giustamente Erminio Mazzucco,:”Uomini ed esili donne recitano nei palcoscenici dei suoi paesaggi o nelle quinte teatrali rappresentate dagli incantevoli scorsi di una Belluno antica, o sul candore metafisico di lidi marini dove poche linee cadenzano uno spazio immobile ed un cielo irreale”.

È proprio questa l’essenza della poetica balzaniana: è quella di rendere raffinato qualsiasi soggetto, qualsiasi sia l’area tematica. Scene di vita quotidiana divengono favole, in un’atmosfera rarefatta, impalpabile, ma familiare, dove a giocare ruolo determinante è la luce, alla quale è demandato il ruolo di unire e rendere unitaria la tela. Balzan rende ciò che è comune, sognante è sottile. Le linee sono fragili e spezzate, i soggetti timidi, la pennellata flebile e candida, così come lo è la tavolozza dai colori pastello, ma carichi di personalità cromatica. Le volumetrie, seppur fioche, risultano un gioco ben organizzato di contrasti, dove colori caldi e freddi vengono messi in relazione, in un vortice di resa incredibilmente regolato. 

L’esposizione di Rinaldo Balzan a Palazzo Crepadona (BL) è gratuita e si concluderà il 29 giugno 2019.  

Torna in alto