Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge. Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.

Menu
RSS
La storia di Dana Alblooshi, la 13enne araba che vuol diventare astronauta

La storia di Dana Alblooshi, la 13e…

Dana Alblooshi, nonostant...

Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi Uniti e il primato universitario

Verso Expo 2020 – Gli Emirati Arabi…

Poco più di 2,5 milioni d...

Dino Buzzati, l’illustratore della parola

Dino Buzzati, l’illustratore della …

Da poco più di una settim...

Perché è così importante che la “Pala dei Decemviri” di Perugino torni a Perugia?

Perché è così importante che la “Pa…

Dopo la “Madonna col Bamb...

Giorgio Bassani e il suo impegno per l’Italia

Giorgio Bassani e il suo impegno pe…

Riflessioni e argomentazi...

"L'ULTIMA ESTATE"

"L'ULTIMA ESTATE"

Scrivere un libro è inizi...

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità: un fattore cruciale per le vacanze dei millennial

Verso Expo 2020 – Instagrammabilità…

Dubai è stata tra le cinq...

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTURALE DEL GOLFO

GLI EMIRATI ARABI UNITI: HUB CULTUR…

Fervono i preparativi per...

“Un Amore” di Dino Buzzati

“Un Amore” di Dino Buzzati

Ideato nel 1959, ma pubbl...

Compie 180 anni la prima linea ferroviaria italiana, a cui Google dedica il suo Doodle

Compie 180 anni la prima linea ferr…

Google oggi, 3 ottobre, f...

Prev Next
A+ A A-

BOHEMIAN RHAPSODY

BOHEMIAN RHAPSODY

Ieri sera ho visto "Bohemian Rhapsody" al cinema.

 

Primissima impressione: un coinvolgimento estremo con e per le musiche. Adesso, a mente fredda, riconosco un bel po' di imprecisioni nella storia della band che, ammetto, mi sono andata a riguardare su internet perché non ne ero sicura. Assodate le imprecisioni, mi sono detta che in tanti film ci sono delle imprecisioni. Che, forse, a volte, e soprattutto in questo caso, servono solo a portare avanti una sceneggiatura scritta per un film e non per un documentario.

Avrei comunque evitato delle facce a guisa di parodia, non so se volute, e avrei dispensato meno zucchero: non penso che serva a nessuno sapere se Freddie abbia veramente fatto outing con la famiglia. Creare volutamente un'emozione non serviva. Freddie bastava, con le musiche, le note, il timbro della voce. L'infrangere le convenzioni, il credere in quel che si è sempre sognato, la caparbietà e la solidità della band che, ad essere sinceri, si è divisa per circa un anno e non per litigi.

Lo so, sto scrivendo delle critiche, ma mentre scrivo canticchio e batto i piedi per terra e mi dispiace non poter battere anche le mani perché sto calcando i tasti… e We will rock you mi sta trapanando le orecchie. No, questo film non è un capolavoro. Questo film è... un film, appunto. Il mito di Freddie, e dei Queen, non ha bisogno di un film. Al cinema si canticchiava sottovoce, si battevano le mani e sembrava di essere al Live Aid, con il rammarico di non esserci stati veramente, almeno io.

Dunque, dunque, conclusioni? Cosa devo concludere? Prendendo delle singole scene, ammetto che qualcosa non mi è piaciuto, ma... ma... ma... nonostante i dentoni del bravissimo attore protagonista, io mi sono commossa e gasata e cavolo… che peccato non essere stata presente al concerto. A quel concerto. Lo show deve continuare, è vero, ma sempre con un po' di musica di sottofondo e quella dei Queen è magica. Bohemian Rhapsody è da vedere, anche solo per criticarlo, ma io mi sono commossa. Ho cantato. Ho apprezzato la voglia di lottare. e mi sarei anche alzata in piedi con il pugno al cielo. Ecco!

Altro in questa categoria: « UN AMORE RUVIDO Roma »
Torna in alto